Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

PD: ‘Revenge porn scelta sessuale? È un reato, Salvini vergognati’

© Sputnik . Evgeny UtkinMatteo Salvini al Congresso Federale della Lega
Matteo Salvini al Congresso Federale della Lega  - Sputnik Italia
Seguici su
Il Partito Democratico attacca Matteo Salvini che non ha condannato il candidato alle regionali calabresi Alfio Baffa, che ha un gruppo dedicato al Revenge Porn.

Il Partito Democratico pubblica via Facebook e sul sito web di partito la sua posizione nei confronti di Matteo Salvini, che secondo il PD “se la ride” sul Revenge porn.

“Ride di una delle peggiori pratiche usate per umiliare, bullizzare, ricattare le persone, in particolare le donne”.

Così scrive tutto il Pd e poi prosegue:

“Salvini, senza pudore, difende il candidato della Lega in Calabria che, da una vasca da bagno e con un sigaro in bocca, saluta ‘gli amici della chat Revenge Porn’. Cioè quelli che mettono materiale intimo in rete senza il consenso dell'interessato/a. Per Salvini non è un problema. Sorride, minimizza, sghignazza. Per Salvini ‘è una scelta sessuale’. No, non lo è”, prosegue il post.

E quindi ricorda che il revenge porn è “un reato, una pratica barbara per cui una persona, Tiziana Cantone, c'ha rimesso la vita. E tu e il tuo candidato dovreste solo vergognarvi”, scrive il Partito Democratico rivolgendosi direttamente a Matteo Salvini.

E quindi il Pd conclude: “Questi sono quelli che vorrebbero liberare l'Emilia-Romagna, la Calabria, l'Italia. Ma siamo noi che dobbiamo liberarci di questa barbarie”.

Quindi il Pd ha anche postato il video in cui la giornalista intervista Salvini sull’argomento.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала