Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Savoia, l'Italia avrà una donna come regina?

© Sputnik . Ramil' Sitdikov / Vai alla galleria fotograficaUna preziosa corona
Una preziosa corona - Sputnik Italia
Seguici su
Superare la legge salica per rendere la figlia erede al trono. Ma la consulta dei Senatori del Regno si oppone ed è bufera su Emanuele Filiberto.

I reali annunciano di voler superare la legge salica, che impedisce il passaggio della corona alle donne di casa Savoia. Emanuele Filiberto, d'accordo con il padre Vittorio Emanuele, ha dato l'annuncio: casa Savoia è pronta per una regina. L'erede al trono designata sarebbe Vittoria, la figlia sedicenne del principe. 

In una intervista al Corriere della Sera ha dichiarato: “È anacronistico, in una società che riconosce la parità di genere, pensare che in casa Savoia si discriminino le donne". Lei, Vittoria, sedici anni, una vita tra Montecarlo, Parigi e Ginevra, dove studia, si è detta molto emozionata, anche se il suo vero sogno è il mondo della moda. 

Il nonno, Vittorio Emanuele, le ha già conferito il trattamento di Altezza Reale e la qualità di Principessa Reale, confermando i titoli di principessa di Carignano e marchesa d'Ivrea. Non ha eredi maschi, Emanuele Filiberto. La figlia minore, Luisa è principessa di Chieri e contessa di Salemi. Ma anche se non esclude l'ipotesi di generare un principino, ha già deciso: il trono andrà a Vittoria. 

Anche se il lignaggio non corrisponde al potere regnante, la decisione regale ha mandato su tutte le furie il ramo cadetti. Soprattutto chi potrebbe beneficiare dell'assenza di un erede maschio alla "corona d'Italia". La consulta dei Senatori del Regno è sulle barricate. Il principe Amedeo di Savoia ha già fatto sapere che la legge salica è "immutabile e inviolabile". 

Una legge che, sostengono i cadetti, è in vigore da mille anni, e lo stesso Umberto II dall'esilio di Cascais, aveva dichiarato di non poter mutare. “Tale legge io, 44esimo capo famiglia, non intendo e non ho diritto di mutare”. Quindi, per la Consulta dei Senatori del Regno la parola di Umberto II, parola di re costituzionale, è l'unica valida.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала