Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ankara accusa la Francia di fornire armi in Libia e sabotare accordi russo-turchi

© AFP 2021 / OZAN KOSEMinistro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu
Ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu - Sputnik Italia
Seguici su
Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha accusato la Francia di aver fornito armi in Libia e del tentativo di sabotare gli accordi russo-turchi sulla crisi libica.

"Ci sono alcuni Paesi che cercano di disturbare l'appello per il cessate il fuoco in Libia. La Francia cerca di sabotare qualsiasi iniziativa in cui non è coinvolta. Fornendo armi alla Libia, la Francia contribuisce al proseguimento del caos", ha dichiarato il capo della diplomazia turca in una conferenza stampa ad Ankara.

Attualmente è in vigore l'embargo sulle forniture di armi in Libia.

Cavusoglu ha inoltre auspicato che anche l'Esercito Nazionale Libico guidato dal maresciallo Khalifa Haftar accetti l'iniziativa dei presidenti di Russia e Turchia, Vladimir Putin e Tayyip Erdogan per far entrare in vigore in Libia il cessate il fuoco a partire dalla mezzanotte di domenica 12 gennaio.

L'Italia al lavoro per il cessate il fuoco in Libia

Luigi Di Maio rivendica il ruolo dell'Italia nella crisi libica e lo fa postando su Facebook le sue osservazioni. Sulla Libia l'Italia lavora con i partner al 'cessate il fuoco'.

Vladimir Putin e Recep Erdogan alla ceremonia di apertura di Turkish Stream - Sputnik Italia
L’Italia in Libia: game over?

Il capo della Farnesina ricorda anche l’incontro di qualche giorno fa con il ministro turco Cavusoglu, con cui ha “convenuto sul fatto di lavorare ad un tavolo Russia-Turchia-Italia per la Libia”.

Crisi libica

Dopo il rovesciamento e l'assassinio del dittatore libico Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia ha praticamente cessato di essere un singolo Stato. Nel Paese nordafricano vige un potere duale. Il parlamento eletto dal popolo si trova nella parte orientale del Paese, mentre ad ovest, nella capitale Tripoli, esercita il potere il governo di unità nazionale del premier Fayez al-Sarraj, riconosciuto dalle Nazioni Unite e dell'Unione Europea. Le autorità della parte orientale del Paese governano indipendentemente da Tripoli e cooperano con l'Esercito Nazionale Libico del maresciallo Khalifa Haftar.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала