Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA comunicano all'ONU di essere pronti a negoziare con l'Iran

© Sputnik . Sergey Guneev / Vai alla galleria fotograficaLa sede dell'ONU a New York
La sede dell'ONU a New York - Sputnik Italia
Seguici su
Ieri nel suo discorso Donald Trump ha definito l'Iran una "minaccia per il Medio Oriente" e ha annunciato l'introduzione di nuove sanzioni nei confronti di Teheran.

La rappresentante permanente degli Stati Uniti d'America presso le Nazioni Unite, Kelly Kraft ha inviato una lettera al Consiglio di sicurezza ONU, con la quale ha reso nota la disponibilità di Washington ad avviare dei negoziati "senza precondizioni" con Teheran al fine di stemperare la tensione in Medio Oriente.

A renderlo noto è l'agenzia di stampa internazionale Reuters, che cita il documento ufficiale redatto dalla rappresentante USA presso l'ONU.

Stando alle parole della Kraft, l'obiettivo dell'America sarebbe quello di "impedire l'insorgere di nuove minacce alla pace e alla stabilità internazionali o a delle escalation da parte del regime iraniano".

La diplomatica si è poi soffermata sulla questione dell'assassinio del generale della Guardia Rivoluzionaria, Qasem Soleimani, il quale a suo dire sarebbe "giustificato" dall'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, il quale garantisce ad ogni stato membro il diritto all'autodifesa.

La rappresentante permanente ha inoltre sottolineato che i raid aerei condotti dagli Stati Uniti contro le milizie sciite di Hashd al-Shaabi lo scorso 29 dicembre sarebbero stati diretta conseguenza degli attacchi sferrati dall'Iran e dalle forze da esso sostenuti contro l'esercito USA e gli interessi di Washington in Medio Oriente.

Il conflitto tra Iran e Stati Uniti

Lo scorso 3 gennaio gli USA hanno condotto un raid aereo che ha portato all'uccisione del generale iraniano Qasem Soleimani, portando ad un ulteriore deterioramento delle relazioni bilaterali tra i due Paesi.

A sua volta, Teheran ha poi reagito a quello che ha definito un atto di "terrorismo di stato" colpendo tre basi americane in territorio iracheno e causando ingenti danni.

Iraniani bruciano le bandiere di USA, GB e Israele - Sputnik Italia
Attacco Iran a basi USA, Redaelli a Sputnik Italia: "Reazione formale, ma ora la crisi si complica"

Nelle ore immediatamente successive ai bombardamenti missilistici, le autorità iraniane hanno intimato all'America di lasciare il Medio Oriente e di astenersi da reazioni militari.

Il presidente Trump, nel suo discorso alla nazione, ha sottolineato il ruolo della potenza militare degli Stati Uniti come "deterrente", definendo l'Iran una "minaccia per il Medio Oriente" e annunciando l'introduzione di nuove misure restrittive nei confronti della Repubblica islamica.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала