Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La difesa della Ukraine Airlines: "Uno dei nostri migliori aerei, in condizioni eccellenti"

© REUTERS / Andras Soos/HandoutUn Boeing 737 ucraino (archivio)
Un Boeing 737 ucraino (archivio) - Sputnik Italia
Seguici su
La compagnia Ukraine International Airlines dichiara che l'aeromobile precipitato in Iran era in eccellenti condizioni ed esclude l'ipotesi di errore del pilota. L'Iran non consegnerà le scatole nere a Boeing.

Il presidente della Ukraine International Airlines Evgeny Dykhne ha dichiarato che l'aereo coinvolto nell'incidente di Teheran, era uno dei migliori velivoli della flotta appartenente alla compagnia di volo ucraina. 

"Uno dei nostri migliori aerei, in eccellenti condizioni", ha dichiarato, specificando che solo due giorni prima dell'incidente il velivolo era stato sottoposto alla manutenzione programmata. 

"Garantiamo la qualità di tutti i nostri aeromobili e le elevate qualifiche dell'intero equipaggio", ha sottolineato Dykhne, escludendo l'ipotesi di un errore del pilota. Allo stesso tempo i vertici della società hanno aggiunto di non poter fornire versioni fino a quando non verranno stilati i risultati dell'indagine ufficiale.

Escluso l'errore dei piloti

Anche il direttore della compagnia di volo, Ihor Sosnovsky ha escluso un errore del pilota. L'equipaggio a bordo era stato "rinforzato" ed era composto da ufficiali di grande esperienza, come il capitano Volodymyr Yaponenko, l'istruttore pilota Oleksiy Naumkin e il primo ufficiale Serhiy Khomenko.

"Data la loro esperienza, è molto difficile pensare a un errore del pilota", ha insistito. A bordo, spiega, c'erano sei assistenti di volo sull'aereo e l'intero equipaggio era in buone condizioni e aveva goduto di sufficiente riposo prima di ripartire dall'aeroporto di Teheran Imam Khomeini, ha aggiunto Sosnovsky.

Il velivolo e la compagnia

Il 737-800 della UIA, secondo quanto riferisce Flightradar, avrebbe meno di 4 anno, ma è stato ampiamente utilizzato dalla compagnia, che lo impiegava sino a quattro voli al giorno. 

La UIA, fondata nel 1992 come compagnia di bandiera ucraina, che collega il Paese con altri 38 Stati fra Europa, Africa, Asia e America, sebbene si descriva come un vettore di linea low cost, non ha mai subito gravi incidenti o inconvenienti e non ha mai perso velivoli. Quello di stanotte è il primo disastro aereo che coinvolge la flotta della compagnia. 

La scatola nera

Secondo quanto riporta l'agenzia iraniana Mehr, il capo dell'aviazione civile iraniana Ali Abedzadeh avrebbe dichiarato che l'Iran non consegnerà la scatola nera dell'aereo precipitato a Boeing. 

Non è stato però specificato quale paese si occuperà di analizzarne il contenuto. La maggior parte dei 167 passeggeri erano di nazionalità iraniana, ma a bordo erano presenti anche cittadini del Canada, Germania, Gran Bretagna, Svezia e Afghanistan diretti a Kiev.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала