Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Netanyahu definisce Israele una "potenza nucleare" per sbaglio al Consiglio dei Ministri

© REUTERS / Amir CohenIl primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu
Il primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu  - Sputnik Italia
Seguici su
Ufficialmente, Israele non ha mai negato o confermato l'esistenza del suo programma nucleare. Alcuni analisti ritengono che Israele si attenga a una politica di deliberata ambiguità riguardo alle sue capacità nucleari.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha accidentalmente definito Israele una "potenza nucleare" durante una riunione, ma si è immediatamente corretto in "energia energetica".

Netanyahu stava parlando di un accordo che il suo paese ha firmato con la Grecia e Cipro il 2 gennaio, aprendo la strada alla costruzione del gasdotto EastMed in Europa.

"... il significato di questo progetto è che stiamo trasformando Israele in una potenza nucleare, una potenza energetica", ha detto Netanyahu, come citato da Haaretz.

Il progetto EastMed è un oleodotto sottomarino di 1.900 chilometri progettato per consegnare gas naturale israeliano all'Europa entro il 2025. L'Italia, così come molti altri paesi europei, saranno i principali acquirenti del gas israeliano.

Sebbene Israele non abbia mai riconosciuto ufficialmente il possesso di armi nucleari, molti esperti ritengono che il paese assuma deliberatamente una politica di deliberata ambiguità. Secondo la Commissione israeliana per l'energia atomica, ci sono due reattori nucleari nel paese, quello presso il centro di ricerca nucleare Soreq, che opera sotto le garanzie dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) e l'altro presso il centro di ricerca nucleare Negev che non rientra nel regime di ispezione dell'AIEA.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала