Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il partito di Evo Morales potrebbe partecipare alle elezioni presidenziali di maggio in Bolivia

© AP Photo / Natacha PisarenkoSupporters of former President Evo Morales in La Paz
Supporters of former President Evo Morales in La Paz - Sputnik Italia
Seguici su
La Corte elettorale boliviana ha annunciato che le nuove elezioni si terranno domenica 3 maggio.

Il tribunale elettorale della Bolivia ha preso due fondamentali decisioni in merito alle elezioni che si terranno in questo paese per superare la crisi politica generata dalle dimissioni dell'ex presidente Evo Morales e dall'annullamento delle precedenti elezioni generali. 

Le prossime elezioni sono state fissate per il 3 maggio e ha respinto le richieste che cercavano di porre il veto alla partecipazione del partito di Morales, il Movimento al socialismo (MAS).

Il vicepresidente della Corte elettorale, Oscar Hassenteufel, ha anticipato che il calendario elettorale, che l'istituzione pubblicherà a breve, fisserà il primo turno domenica 3 maggio; se necessario, il secondo turno avrà luogo circa sei settimane dopo, con cui si prevede che il passaggio ai nuovi sovrani avrà luogo il 6 agosto, giorno nazionale della Bolivia. In questo modo, il paese sudamericano tornerà al calendario politico che era in vigore prima del governo Morales, che lo cambiò per stabilire il 22 gennaio come giorno dell'insediamento presidenziale e dello stato plurinazionale.

Dall’altra parte, il tribunale elettorale ha riscontrato che non esiste una legge che imponga di vietare la partecipazione del MAS al processo elettorale e, di conseguenza, ha respinto diverse richieste individuali che erano state fatte per sciogliere legalmente questo partito, al fine di sanzionarlo per la sua responsabilità per frode elettorale, come ha valutato l'OAS (Organizzazione degli Stati Americani), il 20 ottobre.

Il primo grande sondaggio elettorale, condotto recentemente dal canale televisivo Unitel, ha valutato un eventuale candidato del MAS, che non è ancora noto, intorno al 20,7%. L'attuale presidente del paese, Jeanine Áñez, ha ottenuto il 15,6% e Carlos Mesa con il 13,8%,. Luis Fernando Camacho e Marco Pumari, i due leader del "movimento civico" che rivendicano la responsabilità del rovesciamento di Morales, che si sono appena uniti per candidarsi alla presidenza e al vicepresidenza, appaiono immediatamente dopo. Il sondaggio li ha misurati individualmente perché avevano visto un serio allontanamento a seguito della comparsa di un audio Pumari che Camacho avrebbe registrato nel quale il primo chiede al secondo $ 250.000 e l'indirizzo di un ufficio doganale in cambio del suo sostegno. Ora i due costituiscono un'unica alternativa sotto il motto "Dio, Patria, Popolo".

La dispersione delle opzioni ufficiali ha indotto il presidente Áñez a convocare, ancora senza data, un "vertice politico" dei leader politici contrari a Morales, con l'idea di formare un "fronte unito" per garantire che il MAS non torni a sollevare la testa La popolarità di Áñez suggerisce che questa unione sarà mirata a garantire la sua leadership su un grande blocco elettorale. Tuttavia, il presidente ha assicurato che non si candiderà.

Altri leader del fronte contro il MAS sono Camacho e Pumari, che non vogliono i "politici tradizionali" al suo interno, il che lascia fuori Carlos Mesa, che ha guidato le forze contro Morales nelle ultime elezioni; Samuel Doria Medina, che lo ha fatto nel 2014, e Jorge Quiroga, che lo ha fatto nel 2005. Tutti si stanno preparando per la campagna che inizierà a febbraio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала