Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Omicidio Soleimani, Di Maio: "Italia condivide linea Ue, prioritaria lotta all'Isis"

© Sputnik . Aleksandr ScherbakLuigi Di Maio durante una conferenza stampa con Sergey Lavrov a Roma
Luigi Di Maio durante una conferenza stampa con Sergey Lavrov a Roma  - Sputnik Italia
Seguici su
In Iraq una decisione presa direttamente dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha posto fine alla vita del generale iraniano Qasem Soleimani, uno degli uomini più in vista in Iran e considerato una futura guida del Paese persiano.

"L’Italia sostiene fortemente l’invito rivolto dall’Alto rappresentante Ue Josep Borrell a tutti gli attori coinvolti verso l’esercizio della massima moderazione e a mostrare responsabilità in questo momento. Siamo tutti concordi sul fatto che un’altra crisi rischia solo di compromettere anni di sforzi per stabilizzare l’Iraq", ha affermato il capo della Farnesina Luigi Di Maio relativamente all'uccisione del generale delle unità d'èlite dei pasdaran iraniani Qasem Soleimani. 

Il ministro degli Esteri ha poi aggiunto che "la priorità nella regione è la lotta allo Stato Islamico".

L'intervento del ministro Di Maio arriva dopo che sui social il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri lo aveva attaccato pubblicando una foto che lo ritraeva in aeroporto con la fidanzata mentre "in Iraq un drone uccide il numero due del regime iraniano, la Turchia manda truppe in Libia e questa specie di ministro che non conosce gli stati del Sud America e pensa che Matera stia in Puglia, sta in vacanza con la fidanzata in Spagna."

​Pentagono rivendica uccisione di Soleimani

In precedenza il Pentagono ha confermato che gli Stati Uniti hanno condotto l'operazione contro Soleimani. Secondo l'ambasciatore iraniano in Iraq Iraj Masjidi, a seguito dei raid nei pressi di Baghdad, sono rimaste uccise 12 persone.

Tra le vittime, oltre a Soleimani, c'era il vice comandante di un gruppo armato sciita Abu Mahdi al-Muhandis, che il segretario di Stato americano Mike Pompeo aveva accusato di aver attaccato l'Ambasciata americana a Baghdad il 31 dicembre. La massima carica dello Stato iraniano, l'ayatollah Ali Khamenei, ha promesso di vendicare la morte di Soleimani.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала