Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mercato automobilistico italiano, positivo dicembre 2019 ma l’anno si chiude piatto

© AFP 2021 / Frederic J. BrownFiat 124 Spider
Fiat 124 Spider - Sputnik Italia
Seguici su
Il mercato automobilistico italiano non brilla nel 2019 e si dimostra stagnante. Il diesel perde la leadership, e il mercato delle auto usate si conferma primo nonostante il calo.

Non ha brillato il mercato automobilistico italiano nel 2019, le immatricolazioni delle auto sono appena positive del +0,3% rispetto al 2018 e lo si deve al colpo di gas di fine anno, con il mese di dicembre a +12,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nel complesso in Italia sono state immatricolate 1,9 milioni di nuove automobili, che non soddisfa nessuno.

Tante le motivazioni che sono alla base di questo modesto risultato, tra cui il progressivo abbandono del diesel di cui si è capito che non può essere ecosostenibile, ed infatti nel 2019 sono state vendute più auto a benzina. E poi c’è l’auto elettrica che avanza, per ora ancora cara per molti ma si attendono le evoluzioni in atto. Nel caso dell’auto elettrica, il ragionamento di molti è procrastinare l’acquisto di una nuova auto in attesa di poter comprare un’automobile elettrica nuova ma meno costosa.

Le immatricolazioni di dicembre 2019

Nel mese di dicembre 2019 il numero di auto immatricolate è stato di 140.075 autovetture, con un aumento del 12,48% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Nel mese di novembre 2019, invece, le auto nuove immatricolate sono state 150.819 con un incremento del +2,33% rispetto allo stesso mese del 2018.

Cala invece la vendita di auto usate (-4,88%), i trasferimenti di proprietà registrati sono stati 320.799. Anche nel mese di novembre 2019 il calo dei trasferimenti di proprietà è stato marcato e pari al -10,22% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Fiat 500 Abarth - Sputnik Italia
Le auto scelte dagli italiani nel 2019? Meno diesel e più benzina

Tuttavia il volume di vendita delle auto resta a favore dell’usato che occupa il 69,61% del totale, contro il 30,39% delle auto di prima immatricolazione.

Domanda di auto nel 2019 stagnante

Secondo l’Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri (UNRAE), la situazione del mercato automobilistico in Italia “è stagnante”.

Il presidente dell’UNRAE, Michele Crisci, non fa mancare la sua lamentazione al Governo italiano al quale contesta la “mancanza di strategia” capace di supportare “organicamente e ordinatamente la filiera automobilistica italiana”.

Secondo Crisci nel 2020 peserà l’introduzione dei nuovi limiti alle emissioni di CO2 imposti dall’UE e le “relative, pesanti sanzioni” a chi non si adeguerà.

“In un anno che si apre quindi con diverse difficoltà e dubbi all’orizzonte per l’industria auto, UNRAE auspica che, dopo la lunga e inutile discussione politica sulla tassazione delle auto in uso promiscuo, il governo decida finalmente di convocare ed efficacemente attivare i tanto ‘promessi’ tavoli su domanda, offerta e infrastrutture”, scrive il presidente dell’UNRAE.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала