Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'Iran vendicherà la morte di Soleimani - ex capo corpo d'elite dei pasdaran

© AP Photo / Office of the Iranian Supreme LeaderQasem Soleimani
Qasem Soleimani - Sputnik Italia
Seguici su
L’ex capo del corpo d'élite Forza Quds, Mohsen Rezaei, ha dichiarato in relazione all’uccisione da parte USA del generale Qasem Soleimani, che l’Iran si vendicherà della sua morte.

L'Iran si vendicherà degli Stati Uniti per la morte del comandante della Forza Quds, il generale Qasem Soleimani, ha dichiarato Mohsen Rezaei, ex capo di questo corpo d'élite e attuale segretario del Consiglio per il Discernimento dell'Interesse del Sistema, un organo che consiglia il leader supremo iraniano.

"Il tenente generale martire Qasem Soleimani si è unito ai suoi fratelli martiri, ma ci vendicheremo con forza contro Stati Uniti", ha scritto sul suo account Twitter.

 

​Il Consiglio supremo della sicurezza nazionale dell'Iran ha convocato una riunione straordinaria dopo la morte del generale Soleimani.

"Nelle prossime ore si terrà una riunione straordinaria del Consiglio supremo di sicurezza nazionale in cui verrà analizzato l'attacco criminale contro Soleimani a Baghdad che ha portato alla sua morte", ha detto il portavoce dell'entità, Keivan Khosravi, citato dal Agenzia Fars.

Da parte sua, il ministro degli Esteri iraniano, Mohamad Yavad Zarif, ha affermato che l'attacco che ha ucciso Soleimani è un "atto di terrorismo internazionale" di cui gli Stati Uniti saranno responsabili.

 

​"L'atto del terrorismo internazionale degli Stati Uniti, che ha attaccato e ucciso il generale Soleimani - LA forza più efficace nella lotta contro l'ISIS (Stato Islamico), Al Nusra, Al Qaeda (gruppi terroristici vietati in Russia), ecc. - è estremamente pericoloso e costituisce una folle escalation [di tensioni] ", ha dichiarato il ministro degli Esteri della Repubblica islamica, Mohamad Yavad Zarif, sui social media.

In una dichiarazione rilasciata dal suo ministero, Zarif ha anche sottolineato che l '"imprudenza delle forze terroristiche statunitensi che hanno ucciso il comandante Soleimani (...) rafforzerà senza dubbio la resistenza nella regione e nel mondo".

L’uccisione di Soleimani

Il Pentagono ha confermato la morte del generale Soleimani in un raid aereo lanciato all'alba il 3 gennaio per ordine del presidente Donald Trump.

Il capo della Forza Quds è morto insieme a due alti funzionari delle Unità di mobilitazione popolare (PMU), o Al Hashd al Shaabi, di nome in arabo) e altri quattro "membri e ospiti" di questa coalizione Paramilitare irachena mentre lasciavano l'aeroporto di Baghdad.

Secondo Washington, l'attacco ha cercato di prevenire "futuri attacchi iraniani" contro diplomatici e militari statunitensi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала