Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Conte esclude un terzo mandato a Palazzo Chigi

© Sputnik . Evgeny UtkinGiuseppe Conte
Giuseppe Conte - Sputnik Italia
Seguici su
Oggi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato protagonista della tradizionale conferenza stampa di fine anno, dove è stato capo di due diverse maggioranze parlamentari.
"Lei sta ipotizzando un Conte ter? Un Conte tre?" - "No, per carità...''

Durante la conferenza stampa di fine anno, Giuseppe Conte ha escluso categoricamente un suo terzo 'mandato' a Palazzo Chigi ed ha sottolineato l'importanza di agire nel presente, in quanto è una questione di credibilità dei partiti che fanno parte del suo governo.

''Non dobbiamo cadere nella tentazione di poter realizzare domani, quel che si può realizzare oggi. Mettiamoci anche nella prospettiva di una forza politica. Una forza politica che oggi contribuisce alle soluzioni di governo, quale credibilità può avere di fronte al proprio elettorato dicendo facciamo così, andiamo a votare, datemi fiducia perché io realizzerò le cose che potrei realizzare oggi... E' uno scenario inverosimile, si perde credibilità''.

A difesa della Manovra e rilancio azione di governo

"Occorreva una manovra seria e responsabile, sono orgoglioso di aver rispettato gli obiettivi. Ora ci aspetta una maratona di tre anni, non perché andremo lenti, ma perché potremo affrontare le sfide e raggiungere gli obiettivi senza la frenesia di quest'ultimo periodo... Gennaio sarà l'occasione per fermarsi un attimo a riflettere, a confrontarsi con le varie forze politiche per rilanciare l'azione di governo. Abbiamo presenti le priorità".

Nel governo non si litiga, ma solo confronti vivaci per obiettivi precisi

"Il metodo di questo governo si basa sul confronto, e prima su una preventiva analisi", sono state le parole di Giuseppe Conte. 

"Io rivendico il metodo del dialogo, spesso leggiamo che diventa conflitto. Non vi nascondo che ci sono confronti anche vivaci, dai toni accesi, ma mai litigi fini a se stessi il confronto alimenta e ci consente di mettere a fuoco l’interesse generale".

Conte ha poi sottolineato il pragmatismo del suo governo, che punta ad obiettivi precisi e realizzabili, senza promettere sogni. 

"Non vogliamo promettere sogni irrealizzabili, ma abbiamo obiettivi precisi che a gennaio saranno declinati. Vogliamo essere una squadra e sollecitare nei cittadini fiducia, la politica non deve promettere ma essere credibile e perseguire obiettivi alla portata. Senza proclami o gesti eclatanti e senza lasciarsi distrarre da polemiche".

Elezioni regionali non sono referendum su governo

Le elezioni regionali del 2020, a partire dall'Emilia Romagna, "non saranno un referendum sul governo".

"Dobbiamo dare la giusta importanza ad appuntamenti elettorali sul territorio, ne ricaveremo dei dati politici che potranno avere anche un riverbero sul piano nazionale, ma sono sempre circoscritte", ha dichiarato il Presidente del Consiglio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала