Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Assange testimonia in tribunale: spiato nell’ambasciata ecuadoriana – Report

© AP Photo / Matt DunhamJulian Assange
Julian Assange - Sputnik Italia
Seguici su
Nell'ottobre 2019, Julian Assange accusò la società spagnola Undercover Global di averlo spiato durante il suo periodo presso l'ambasciata. Ora testimonia davanti la Corte di Westminster.

Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, venerdì ha testimoniato davanti ai magistrati della Corte di Westminster a Londra, contro la società di servizi di sicurezza spagnola Undercover Global SL, che a detta sua l’avrebbe spiato per conto degli Stati Uniti durante la sua permanenza settennale presso l’ambasciata ecuadoriana. Lo segnala il tabloid inglese Daily Mail.

Undercover Global SL viene accusata di aver raccolto le comunicazioni di Assange dei suoi avvocati e visitatori, mentre lui lavorava per l’ambasciata nel periodo 2012 – 2018.

Secondo quanto riportato dal quotidiano, Assange, che si sta anche opponendo alla sua estradizione negli Usa, durante una testimonianza in video conferenza avrebbe riferito che il suo alloggio nell’ambasciata era stato violato.

Come riportato da un corrispondente di Sputnik, circa una trentina di manifestanti pro Assange hanno manifestato davanti l’ingresso della Corte, con striscioni che richiedono il rilascio dell’uomo.

Arresto di Julian Assange

Assange aveva chiesto asilo all’Ecuador nel 2012 dopo che le autorità svedesi avevano mosso accuse di stupro contro di lui. Assange è rimasto nell’ambasciata ecuadoregna a Londra fino agli inizi del 2019. Ad aprile l’ambasciata ha aperto le sue porte alla polizia britannica, la quale entrata nell’edificio ha arrestato il Fondatore di WikiLeaks. Assange è stato condannato a 50 settimane di carcere dalla Corte britannica per aver violato le condizioni della cauzione nel 2012.

Lo scorso maggio il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha incriminato Assange con ben 17 capi di accusa e ne ha chiesto l’estradizione. Se dovesse essere condannato, il fondatore di Wikileaks rischierebbe fino a 175 anni di prigione. L’allora segretario del Regno Unito Sajid Javid, ha approvato la richiesta di estradizione, affermando che non crede che Assange verrà torturato o condannato a morte se estradato negli Usa.

La Legge americana sullo spionaggio considera un crimine diffondere informazioni che possono interferire con le operazioni militari statunitensi durante una guerra o se si aiutano i nemici degli Usa.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала