Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Corea del Sud parteciperà a operazione USA nello Stretto di Hormuz per la “libertà di navigazione”

© Sputnik . Ramil Sitdikov / Vai alla galleria fotograficaLa bandiera della Corea del Sud
La bandiera della Corea del Sud - Sputnik Italia
Seguici su
La Corea del Sud prenderà parte all’operazione guidata dagli USA nel 2020 per la difesa della “libertà di navigazione”.

La Repubblica di Corea all'inizio del 2020 invierà una forza per partecipare a una operazione guidata dagli Stati Uniti per proteggere la libertà di navigazione nello Stretto di Hormuz, riferisce il quotidiano sudcoreano Chunan Ilbo citando numerose fonti governative.

Secondo il quotidiano, la decisione è stata presa martedì dall'amministrazione del presidente Moon Jae In una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale, Seoul ha già notificato gli Stati Uniti e ha iniziato a elaborare i dettagli dello spiegamento delle truppe.

È probabile che la Corea del Sud invii la divisione Cheonghe, creata nel 2009 per combattere i pirati al largo della Somalia nell'ambito della Task Force internazionale mista 151. La divisione è composta dal cacciatorpediniere Kang Gang Chan con un dislocamento di 4400 tonnellate, un elicottero Super Lynx e 300 soldati, per lo più forze speciali. Durante il loro servizio nel Golfo di Aden, hanno sventato 21 attacchi pirati contro navi civili.

Secondo alcune fonti di Chunan Ilbo, negli ultimi tempi è diventato difficile ignorare le insistenti richieste di Washington di unirsi alla coalizione internazionale per contenere la minaccia dell'Iran di bloccare lo Stretto di Hormuz, quindi Seoul alla fine ha accettato d'inviare delle truppe. Tuttavia, al fine di mantenere le relazioni con Teheran, è stato deciso di non inviare un gruppo separato nella regione, ma di ampliare l'ambito di responsabilità della divisione di Cheonhe.

La ripartizione dei costi USA-Corea del Sud

L'attuale decisione, secondo il giornale, è stata presa sullo sfondo dei negoziati in corso per condividere i costi di schieramento delle truppe statunitensi in Corea del Sud. Washington esorta Seoul a incrementare di più volte il proprio contributo alla difesa comune, ma questa richiesta non è stato accettato dalla Corea del Sud. Come misura di compromesso, secondo quanto riferito, sta prendendo in considerazione una partecipazione più attiva alle operazioni statunitensi all'estero.

Attraverso lo Stretto di Hormuz passa il 70% del petrolio importato dalla Corea del Sud e una parte significativa di questo viene tradizionalmente acquistata dall'Iran.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала