Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Assad accusa gli Stati Uniti di vendere il petrolio siriano 'rubato' alla Turchia

© AP Photo / Syrian Presidency Facebook pageIl Presidente siriano Bashar Assad
Il Presidente siriano Bashar Assad - Sputnik Italia
Seguici su
In precedenza il presidente Trump ha fatto sapere che a dispetto del ritiro delle truppe dalla Siria, le truppe americane sarebbero rimaste nel paese mediorientale per "tenersi il petrolio".

Il presidente della Siria, Bashar al-Assad ha accusato gli Stati Uniti di vendere il petrolio "rubato" al paese mediorientale alla Turchia.

"Prima degli americani, tempo fa, questi pozzi erano sfruttati da Jabhat al-Nusra, poi è arrivato l'ISIS che ha spodestato al-Nusra, o meglio, si è unito con esso diventando un tutt'uno, e allo stesso modo ha cominciato a rubare e a vendere il petrolio. Dove? Utilizzavano dei canali turchi. Oggi, però, è l'America che ci ruba il petrolio è che lo vende alla Turchia", ha dichiarato Assad.

Il presidente della Siria, Bashar al-Assad ha accusato gli Stati Uniti di vendere il petrolio rubato al paese mediorientale alla Turchia. - Sputnik Italia
‘Pompa’ all’americana
Il presidente della Siria ha poi sottolineato che in realtà Washington fa affidamento sui terroristi, poiché venendo a mancare la loro presenza verrebbe a mancare anche la giustificazione formale per la presenza USA nel Paese.

Stando alle parole del leader siriano, ad oggi diverse migliaia di soldati americani, tra cui un buon numero di contractor privati, avrebbero occupato vaste porzioni di territorio della Repubblica araba siriana.

"Gli USA fanno forte affidamento sulle compagnie militari private, come Blackwater, per combattere questa guerra. Quindi anche se formalmente mantengono un contingente di qualche centinaio di soldati, in realtà hanno a disposizione migliaia, se non decine di migliaia di contractor che combattono per loro in Siria", è stata l'accusa di Assad.

Il petrolio siriano 

Alla fine del mese di ottobre il Ministero della Difesa russo ha rilasciato un duro rapporto all'interno del quale lanciava pesanti accuse nei confronti degli Stati Uniti, rei di condurre operazioni di contrabbando del petrolio siriano.

La situazione nella Repubblica Araba di Siria - Sputnik Italia
Che cosa fanno in realtà gli Usa con il petrolio siriano? Spiega il ministero Difesa russo

Stando alle carte, il Pentagono, la CIA e contractor privati sarebbero coinvolti in operazioni di contrabbando del petrolio, portando a guadagni complessivi pari ad oltre 30 milioni di dollari al mese.

Nel corso del recente passato, Trump ha più volte confermato la sua 'passione' per il petrolio, rivendicando il diritto del suo Paese di occupare i siti petroliferi siriani e di disporre degli stessi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала