Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Un pianeta ancora misterioso: curiosità sulla Terra

© © Illustration: RIA Novosti, Depositphotos/Shad.off, NASALa Terra aveva gli anelli come il Saturno
La Terra aveva gli anelli come il Saturno - Sputnik Italia
Seguici su
La Terra è probabilmente l’unico pianeta abitato all’interno del Sistema solare. Di fatto sulla Terra la vita comparve subito dopo la sua formazione 4,25 miliardi di anni fa.

Da allora intorno al pianeta si formò e scomparve un sistema di anelli, un pezzo di Terra si staccò dalla superficie e finì nello spazio, i cianobatteri contribuirono alla nascita dell’Homo sapiens. Sputnik vi parla oggi di alcune curiosità e ipotesi riguardanti la Terra.

La Terra aveva gli anelli come Saturno

Circa 715 milioni di anni fa la Terra era interamente ricoperta di neve e ghiaccio. Persino all’equatore, il luogo più caldo del pianeta, le temperature non salivano mai sopra i -20°.

Quel periodo che durò 120 milioni di anni è noto agli scienziati come Prima era glaciale. Secondo una delle ipotesi fu proprio questo regno di neve e ghiaccio a generare l’Esplosione cambriana, quell’evento che portò alla comparsa di una grande varietà di organismi viventi. E la glaciazione stessa fu il risultato di un altro evento globale: la formazione del sistema di anelli attorno alla Terra simili a quelli che oggi circondano Saturno.

Gli scienziati statunitensi Peter Fawcett e Mark Boslough ipotizzano che poco prima dell’avvento della glaciazione sulla Terra si scagliò un enorme asteroide. L’impatto fu così forte che gli ammassi rocciosi venutisi a creare in seguito allo scontro furono scagliati nello spazio circumterrestre e andarono a formare attorno al pianeta degli anelli. L’ombra da essi prodotta rese più difficile il passaggio della luce solare verso le aree tropicali del pianeta e questo portò a una glaciazione a livello planetario.

Tuttavia, il sistema di anelli fu instabile e di breve durata (chiaramente in termini astronomici). Fu eroso dal vento solare che gradualmente portò via dallo spazio circumterrestre piccole porzioni di tali anelli.

Luna - Sputnik Italia
La Russia ha scelto il posto dove costruire la sua base sulla Luna

Tra l’altro forse vi furono anelli più di una sola volta intorno alla Terra, osservano gli autori dello studio. Infatti, la brusca glaciazione che avvenne 34 milioni di anni fa e l’estinzione di massa che ad essa fece seguito potrebbero essere state la conseguenza di un impatto con un grande asteroide i resti del quale potrebbero aver formato degli anelli circumplanetari.

La Luna era parte della Terra

Una delle argomentazioni di chi ritiene che gli statunitensi non siano mai atterrati sulla Luna è la composizione del suolo riportato sulla Terra da questo corpo celeste. La sua composizione, infatti, coincide con quella terrestre tanto che la quantità di isotopi di titanio, ossigeno e di altri elementi è pressoché identica. Ma la questione non è tanto la falsificazione dei campioni lunari, quanto piuttosto che alcuni miliardi di anni fa la Luna era parte del nostro pianeta.

Come hanno acclarato gli scienziati dell’Università di Los Angeles (USA), poco dopo la formazione della Terra si verificò un impatto con un enorme corpo celeste delle dimensioni di Marte. La Terra e tale corpo celeste, soprannominato Theia, impattarono a grande velocità. Theia penetrò la superficie della giovane Terra fondendosi con il suo strato roccioso. Parte di questo materiale finì nello spazio circumterrestre dove andò a formare gradualmente quella che oggi è la Luna.

La più antica roccia terrestre è stata rinvenuta sulla Luna

La Terra si formò circa 4,5 miliardi di anni fa a partire da un disco protoplanetario di gas e polvere, residuo della nascita del Sole. Il pianeta allora era simile a una grande sfera incandescente ricoperta da un oceano di magma. Il pianeta gradualmente si raffreddò e divenne un corpo celeste solido. Dopo soli 100 milioni di anni sulla superficie della Terra comparvero le prime pietre: gli scienziati hanno capito questo, studiando l’età degli esemplari più antichi di rocce rinvenuti sul pianeta. Sulla Terra il materiale più antico è un cristallo di zircone estratto dalla crosta terrestre nell’Australia occidentale. I geochimici con l’ausilio della tecnica della APT (Atom Probe Tomography) hanno calcolato il rapporto degli isotopi di piombo e ossigeno. Sulla base di tali dati gli scienziati sono in grado di calcolare l’età delle rocce.

Un asteroide si sta dirigendo verso la Terra - Sputnik Italia
Roscosmos: come difendere la Terra dalla caduta di un asteroide

È risultato che il cristallo di zircone ha circa 4,4 miliardi di anni, ossia si formò subito dopo il raffreddamento dell’oceano di magna.

Di circa la stessa età è un’altra roccia di zircone, quarzo e feldspato. Fa parte del campione di ghiaia riportato dalla Luna sulla Terra nel 1971. I ricercatori acclararono che questa roccia si formò sotto la superficie terrestre a una profondità di 20 km. Lì vi rimase fino a che in qualche modo non finì nello spazio. Questo potrebbe essere successo quando la Luna si distaccò dalla Terra per via dell’impatto con Theia oppure in seguito allo scontro con un enorme meteorite.

In futuro sulla Terra ci sarà un unico continente

Circa 300 milioni di anni fa sulla Terra c’era un unico supercontinente, la Pangea. Si divise poi in 2 parti, la Laurasia e la Gondwana e queste, a loro volta, in 8 parti (Eurasia, America settentrionale e meridionale, Africa, Australia, Antartide, penisola arabica e regione indiana).

Stando alle stime attuali, fra 250 milioni di anni gli attuali continenti si uniranno di nuovo in un supercontinente. Alcuni scienziati lo definiscono la Pangea Ultima, altri l’Amasia. Non vi è consenso circa il futuro aspetto e posizionamento di questo continente.

Alcuni geologi di Yale ipotizzano che la Pangea Ultima farà la sua comparsa a 90° dal centro geografico della sua antica ava. Ciò significa che il nuovo continente occuperà il posto del Mar Glaciale Artico. Secondo un’altra ipotesi, il supercontinente si verrà a creare in una posizione diametralmente opposta rispetto a quella dell’antica Pangea e sarà circondato dall’Oceano Pacifico

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала