Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Matteo Salvini indagato per 35 voli di Stato illegittimi

© AP Photo / Luca BrunoMatteo Salvini
Matteo Salvini - Sputnik Italia
Seguici su
Da ministro degli Interni avrebbe utilizzato i voli di Stato per recarsi a fiere di cavalli, riunioni in prefetture o commissariati, senza avere l'autorizzazione richiesta. Adesso la procura di Roma indaga Matteo Salvini per abuso d'ufficio, un reato punito con pene sino a 4 anni di carcere.

La procura di Roma ha formalizzato le accuse nei confronti di Matteo Salvini, iscritto nel registro degli indagati per il reato di abuso d'ufficio. L'ipotesi formulata dagli inquirenti è quella dell'utilizzo illegittimo di 35 voli di Stato, quando ricopriva l'incarico di ministro degli Interni.

La questione era già passata al vaglio della Corte dei Conti lo scorso settembre, che aveva definito illegittimi i voli effettuati dall'ex ministro. La normativa vigente prevede che i voli di Stato siano utilizzati per alti fini istituzionali e non per spostamenti ordinari. 

Secondo la magistratura contabile, invece, risulta "appurato, effettivamente, che a partire dal primo giugno 2018 risultano effettuati, per trasferimenti in ambito nazionale del Ministro dell'Interno e di altro personale al seguito (scorta, capo segreteria, capo ufficio stampa, ecc.) 20 voli con aereo P.180 e 14 voli con elicotteri in dotazione al Dipartimento di P.S., nonché un volo con aereo P.180 in dotazione al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco".

Dal 13 settembre 2018 al 10 maggio 2019, il capo della Lega avrebbe effettuato ben 35 voli di Stato per le motivazioni più disparate come la partecipazione alla fiera di cavalli di Verona e a quella del Levante di Bari, cerimonie ufficiali, riunioni tecniche in prefetture o commissariati, etc. 

I voli di Stato sono previsti per le missioni ufficiali e istituzionali, non per questioni di normale amministrazione. Precisa la corte che "i velivoli suddetti sono stati acquistati per finalità prettamente operative e non per il trasporto di autorità, neanche per agevolare lo svolgimento della loro attività istituzionale". 

Inoltre il loro utilizzo è riservato alle massime cariche dello Stato, ovvero devono "essere limitati al Presidente della Repubblica, ai Presidenti di Camera e Senato, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Presidente della Corte costituzionale, salvo eccezioni che debbono essere specificamente autorizzate". Autorizzazione che Salvini non avrebbe avuto. 

La Corte dei Conti, non avendo riscontrato anomalie dal punto di vista erariale, ha passato i fascicoli alla Procura romana per la valutazione di eventuali reati al di fuori delle loro competenze. I giudici di Roma hanno formulato l'ipotesi di reato di abuso d'ufficio, punito dalla giustizia italiana con una pena detentiva sino a 4 anni di reclusione e inviato gli atti al Tribunale dei Ministri. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала