Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

“Vietato morire nei fine settimana” – incredibile ordinanza in un paesino francese

Seguici su
Il sindaco di una comunità rurale francese ha preso la decisione alquanto estrema e bizzarra di vietare ai propri cittadini di "NON morire nelle loro case il sabato, la domenica e nei giorni festivi".

Ma c’è una motivazione molto precisa per essere giunti a tanto, e non è divertente quanto il titolo dell’ordinanza possa far pensare.

Si direbbe il titolo perfetto per una film commedia alla francese, e forse un giorno lo diverrà anche. Gli ingredienti ci sarebbero tutti. Immaginate un piccolo paesino rurale, La Gresle, 850 anime alla periferia di Lione, la mancanza di dottori, infermieri e paramedici. Il senso di isolamento e impotenza.

Ad un certo punto il Sindaco ha un’idea geniale – emettere un’ordinanza choc, l’unico modo per far sentire la voce della comunità e farsi ascoltare dalle autorità centrali. Ed ecco infatti che diventa virale e la notizia rimbalza su tutti i social e in tutte le lingue, la piccola cittadina di La Gresle si ritrova in un attimo al centro del mondo e finisce su tutti i giornali.

© Foto : Screenshot comune La GresteOrdinanza La Gresle
“Vietato morire nei fine settimana” – incredibile ordinanza in un paesino francese - Sputnik Italia
Ordinanza La Gresle

Il problema si era manifestato all'inizio del mese quando non si era riusciti a trovare alcun medico che potesse registrare il decesso di un anziano residente nella casa di cura del paesino.

"Il SAMU (ufficio dei servizi medici di emergenza locale) ha rifiutato di inviarci un medico e ha chiesto alla polizia locale di gestire da sé le funzioni amministrative", ha detto il sindaco di La Gresle, la signora Isabelle Dugelet, aggiungendo che alla fine è stato trovato un medico che, bontà sua, si è dimostrato disposto a venire da un regione vicina per dare una mano a risolvere l’incresciosa situazione.

L'ufficio del sindaco ha dichiarato in una nota che "l'ordine assurdo" era in risposta “all’assurdità del sistema".

Riconoscendo che il "divieto di morte" è a tutti gli effetti una trovata pubblicitaria per cercare di attirare l'attenzione sulla terribile situazione sanitaria della comunità, il sindaco ha denunciato la "situazione sanitaria catastrofica" a La Gresle e nei villaggi vicini.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала