Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gli americani in Afghanistan? Sono come un fiammifero, devono ritirarsi - Gorbaciov alla CNN

© AP Photo / Alexander ZemlianichenkoMikhail Gorbacev
Mikhail Gorbacev - Sputnik Italia
Seguici su
L'ex presidente dell'URSS ha raccontato dei rischi di una possibile permanenza delle truppe americane in Afghanistan, ricordando la lezione imparata dall'Unione Sovietica alla fine degli anni Ottanta.

In un'intervista alla CNN, l'ex presidente dell'Unione Sovietica, Mikhail Gorbaciov ha commentato la recente visita di Donald Trump in Afghanistan e lo scenario relativo ad un totale ritiro delle truppe americane dal paese, anche alla luce di quanto accadde verso la fine degli anni Ottanta, quando ad abbandonare l'Afghanistan furono i sovietici.

"Le truppe (americane) devono essere ritirate. Questa è la lezione principale. Sa, è come un fiammifero: una volta acceso il fuoco si diffonde. E questi scontri diventano pericolosi per tutto il mondo, quando coinvolgono gli stati più grandi e potenti del pianeta", ha spiegato Gorbaciov.

All'epoca, infatti, gli Stati Uniti d'America e l'Unione Sovietica erano in una fase in cui si cercava di ricucire le relazioni e di porre fine ad una guerra fredda che perdurava da quasi 40 anni.

In Afghanistan, però, Washington decise di sostenere i mujahidin per rovesciare il governo filosovietico di Mohammad Najibullah, poi caduto una volta venuto a mancare il supporto sovietico, con la scomparsa dell'URSS.

Quello che successe dopo è sotto gli occhi di tutti, con le successive guerre in Afghanistan promosse dagli USA in seguito agli attentati dell'11 settembre e la situazione di estrema instabilità nell'area che perdura fino a tutt'oggi.

Mikhail Gorbacev - Sputnik Italia
Gorbaciov: "L'espansione della NATO è il maggiore errore dell'Occidente"

La visita di Trump in Afghanistan

In occasione del Giorno del Ringraziamento, il presidente Donald Trump si è recato in Afghanistan per far visita ai soldati stanziati nel paese e, forse, per riprendere le  trattative con i Talebani.

Questi ultimi, dal canto loro, hanno però espresso dei dubbi circa il ripristino dei negoziati con Washington, dopo la rottura avvenuta nel mese di settembre.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала