Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ancora in calo la natalità in Italia. Fecondità scende a 1,29, il primo figli arriva a 32 anni

culle vuote
culle vuote - Sputnik Italia
Seguici su
Diminuisce ancora il numero di nuovi nati in Italia. Diminuiscono in particolare i primogeniti e cioè il numero di donne che concepisce almeno un figlio. Boom di nati fuori dal matrimonio.

In Italia il calo delle nascite non si arresta, nel 2018 sono stati iscritti in anagrafe 439.747 bambini (-4%), e cioè oltre 18mila in meno rispetto al 2017. Se poi si prende come anno di riferimento il 2008, allora il calo in dieci anni è stato di 140mila nati in meno in un solo anno.

In particolare nascono meno primi figli, cioè cala il numero di donne che hanno almeno il primo figlio, rispetto al 2008 sono 79mila in meno. Questi i dati Istat sulla natalità e la fecondità in Italia 2018, appena pubblicati.

Per quanto riguarda il numero medio di figli per donna, si scende ancora a 1,29, mentre nel 2010 la fecondità era a 1,49 bambini per donna, che era comunque già al di sotto del ricambio generazionale. Perché uno dei problemi di quella che è stata ribattezzata l’emergenza delle ‘culle vuote’, è il ricambio generazionale in Italia, che rischia di arrestarsi.

Si eleva anche l’età media del primo figlio, il quale arriva a 32 anni, mentre nel 2008 arrivava a 31,2 anni.

Cresce sensibilmente il numero di nati fuori dal matrimonio, la quota arriva al 32,3% sul totale dei nati in Italia, mentre nel 1995 era appena dell’8,1% e nel 2008 del 19,6%. Si registra da questo punto di vista, quindi, un vero boom di coppie che decidono di avere figli anche se non sposate.

Il 22% dei nati, poi, ha almeno un genitore straniero (96.578) ma la quota è in diminuzione rispetto all’anno 2012. Se consideriamo poi i bambini nati da genitori entrambi stranieri, sono 65.444 e cioè il 14,9% del totale dei bambini nati in Italia.

Il baby-bust in Italia

L’Istat lo scrive nel suo rapporto:

“A partire dagli anni duemila l’apporto dell’immigrazione, con l’ingresso di popolazione giovane, ha parzialmente contenuto gli effetti del baby-bust; tuttavia questo effetto sta lentamente perdendo la propria efficacia man mano che invecchia il profilo per età della popolazione straniera residente”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала