Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sempre più realistico un mancato rinnovo del trattato START - inviato russo a Vienna

© AFP 2021 / BRENDAN SMIALOWSKIA deactivated Titan II nuclear ICMB
A deactivated Titan II nuclear ICMB - Sputnik Italia
Seguici su
La possibilità che gli Stati Uniti e la Russia non estendano il nuovo Trattato di riduzione delle armi strategiche (START) è diventata realistica, secondo il rappresentante permanente russo presso le organizzazioni internazionali di Vienna, Mikhail Ulyanov.

"L'intero sistema di controllo degli armamenti ha subito un grave colpo e un ulteriore peggioramento di questo processo comporterà una crescente instabilità, mancanza di prevedibilità e così via. Questa è una prospettiva molto negativa. Il tempo per raggiungere un accordo sulla nuova estensione START è agli sgoccioli e non sono stati compiuti passi pratici in questa direzione. Certamente, tale prospettiva diventa più realistica", ha detto lunedì Ulyanov.

All'inizio di novembre, il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha espresso le preoccupazioni di Mosca per la mancanza d'interesse per gli Stati Uniti nel rinnovo del trattato, che scade nel febbraio 2021.

New START è l'ultimo trattato di controllo degli armamenti rimasto in vigore tra Russia e Stati Uniti. Stabilisce che il numero di lanciatori di missili nucleari strategici deve essere dimezzato e limita il numero di testate nucleari strategiche dispiegate a 1.550.

Trattato sui cieli aperti

Ulyanov ha anche commentato il Trattato sui cieli aperti, che secondo lui gli Stati Uniti stanno considerando di abbandonare.

"Le discussioni sul possibile ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sui cieli aperti sono in corso da diversi anni. Di tanto in tanto ci sono informazioni su questo. È difficile dire se queste informazioni siano vere perché attualmente non ci sono passi pratici intrapresi dagli Stati Uniti verso la loro uscita dal trattato ", ha detto Ulyanov.

In precedenza, i media statunitensi hanno riferito che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva firmato un documento per demolire il Trattato sui cieli aperti - una mossa che il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che sarebbe deplorevole.

Il Trattato sui cieli aperti consente alle parti di effettuare sorveglianza aerea attraverso voli di osservazione programmati su ciascuna nazione partecipante. Oltre 30 paesi partecipano al programma, creato per aumentare la trasparenza delle attività militari.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала