Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Manovra, Di Maio ringrazia Conte e forze di maggioranza

© AP Photo / Andrew MedichiniLuigi Di Maio
Luigi Di Maio - Sputnik Italia
Seguici su
Dopo le tensioni degli ultimi giorni nel governo sulla Manovra, oggi in una diretta Facebook il leader del Movimento Cinque Stelle ha usato parole distensive e prudenti, che sembrano allontanare la crisi nella maggioranza giallo-rossa.

"Ieri il governo ha dato una grande prova di responsabilità e di impegno nei confronti dei cittadini italiani", ha dichiarato il leader pentastellato Luigi Di Maio nel corso di una diretta Facebook, commentando il vertice di maggioranza svoltosi ieri a Palazzo Chigi per sciogliere i nodi del decreto fiscale.

Di Maio, prendendo spunto dagli insegnamenti della precedente esperienza di governo alquanto litigiosa con la Lega, ha promesso di parlare solo a "risultati ottenuti".

"Io preferisco parlare dopo aver ottenuto i risultati. Dobbiamo imparare dagli errori del passato, in passato forse abbiamo parlato un po' troppo prima di ottenere i risultati".

Di Maio ha evidenziato due risultati a margine del vertice di maggioranza.

Il primo riguarda l'obbligatorietà del Pos per i commercianti: per Di Maio ha prevalso la logica con la sospensione delle multe per quelli che non si dotano del dispositivo per ottenere pagamenti elettronici, permettendo così al governo di andare a negoziare con le banche "un buon accordo" per ridurre i costi dei dispositivi e le commissioni bancarie.

"Diciamocelo chiaramente su questo deve vincere la logica e ha vinto la logica. Se vogliamo a dire a tutti i commercianti 'dovete dotarvi del Pos altrimenti vi beccate una multa' va bene dirlo, ma prima dobbiamo abbassare i costi che ci sono sul dispositivo e anche sulle carte di credito. All'inizio c'era un'idea di far scattare le multe dal primo gennaio 2020, adesso ci siamo detti: prendiamoci i primi sei mesi del 2020, in questi primi sei mesi il governo va a fare un buon accordo con le banche e dice 'noi stimoliamo l'uso delle carte di credito e di debito, ma voi banche abbattete le commissioni sulle carte e i costi del Pos'".

Il secondo risultato, che "fa felice il Movimento Cinque Stelle", è "il carcere per i grandi evasori e la confisca per sproporzione. In questi giorni come M5S non volevamo e non vogliamo fare alcuna polemica, ma ci siamo detti da quando esiste il Movimento che è inutile vessare i piccoli e lasciare che i grandi squali dell'evasione italiana facciano quello che vogliono".

Di Maio ha rivendicato che ora lo Stato andrà a prendersela non come al solito solo con i piccoli, ma con "gli intoccabili" ed andrà a "prendere i pesci grossi" che evadono.

Infine il leader M5s ha fatto i complimenti al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alle forze della maggioranza per il "segnale culturale diverso" dello Stato.

"Ringrazio il presidente del Consiglio dei ministri perché i tavoli li ha coordinati lui ieri e abbiamo ottenuto questo risultato tutti quanti insieme".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала