Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bimbo nato senza orecchie: uno ricostruito con stampante 3D al Meyer di Firenze

© Foto : Pixabay/MarionbrunOperazione
Operazione - Sputnik Italia
Seguici su
Ricostruito per la prima volta in Italia un orecchio su un bambino, grazie alla stampa 3D. L'intervento chirurgico è avvenuto presso l'ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

Ricostruito il primo orecchio ad un bambino di 13 anni nato senza orecchie a causa di microtia bilaterale. I chirurghi dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, hanno applicato per la prima volta in Italia una tecnica che fa uso della stampa 3D.

L’equipe di chirurghi plastici pediatrici, partendo da cartilagini costali dello stesso bambino, sono riusciti a dare forma al nuovo orecchio a partire appunto dal modello stampato in 3D.

La tecnica ricostruttiva delle orecchie con la stampa 3D

Il bambino di 13 anni è nato con l’assenza di entrambi i padiglioni auricolari, a causa di una malattia congenita, la microtia, che colpisce 5 bambini ogni 10mila nati.

Grazie alla nuova tecnica, da vera ingegneria medica, è oggi possibile tentare la ricostruzione dei padiglioni auricolari esterni.

L’equipe di chirurghi del dottor Flavio Facchini, si è avvalsa della partecipazione degli ingegneri del laboratorio T3Day, uno spin-off dell’ospedale Meyer e del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Firenze.

Come sono intervenuti i chirurghi sul piccolo paziente

Per ricostruire l’orecchio al bambino di 13 anni, è stato necessario un lavoro di progettazione meticoloso. Per dare forma a un orecchio che non c’era, è stato necessario fare una Tac alle parti delle cartilagini presenti, e da qui partire per una prima elaborazione del nuovo orecchio con l’ausilio di un software di ultima generazione. Per dare una forma quanto più “fedele” possibile, i chirurghi hanno preso come modello l’orecchio della mamma.

Prima di passare all’intervento vero e proprio, gli specialisti del Meyer hanno condotto numerose simulazioni e test. Solo a questo punto si è proceduti alla stampa in 3D della copia delle cartilagini.

Nei prossimi mesi, potrebbe essere tentata la ricostruzione anche del secondo orecchio così da dare al bambino un proseguimento di vita il più normale possibile.

 

 

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала