Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tar Veneto. L’Uomo Vitruviano può andare al Louvre di Parigi

© Public domainProgetti per l'Arno e Uomo Vitruviano
Progetti per l'Arno e Uomo Vitruviano - Sputnik Italia
Seguici su
Il Tar del Veneto boccia la richiesta di Italia Nostra di bloccare l'espatrio dell'Uomo Vitruviano di Leonardo, le opere andranno al Louvre di Parigi. Il Tar dispone però cautela.

Il Tar del Veneto respinge il ricorso di Italia Nostra che si opponeva al prestito dell’Uomo Vitruviano e di altre opere di Leonardo al museo del Louvre di Parigi nell’anno in cui si festeggiano i 500 anni dalla nascita.

A stabilirlo la seconda sezione del Tribunale amministrativo del Veneto che ha depositato l’ordinanza in data odierna.

Pronta la reazione del ministro ai Beni Culturali Dario Franceschini affidata a un tweet: “Ora può ripartire la grande operazione culturale italo-francese delle due mostre su Leonardo a Parigi e Raffaello a Roma”.

​La motivazione del Tar Veneto sull’Uomo Vitruviano di Leonardo

Il “carattere identitario – dell’Uomo Vitruviano – non è assoluto e non esclude tassativamente l’opera dal prestito”.

Questo quanto scrive nella motivazione il Tar del Veneto, che ricorda anche come in passato si siano verificati anche altri casi di prestito, tra cui “La Tempesta” di Giorgione, “Visioni dell’aldilà” di Bosch, e ancora “La caduta di Fetonte” disegnata da Michelangelo.

Necessarie cautele particolari durante il trasporto

Nessun ostacolo poi al trasporto, dal momento che le perizie tecniche hanno rilevato come sia possibile trasportare l’Uomo Vitruviano al Louvre “con precise cautele sulla movimentazione, sulla riduzione del numero di giorni di esposizione e con condizioni di illuminamento limitate a 25 lux”.

Come forma compensativa, per le ore di esposizione alla luce dell’opera dovute alla precedente esposizione a Venezia dal 17 aprile al 14 luglio 2019 e a quella che avverrà dal 24 ottobre al 14 dicembre a Parigi, il tribunale consiglia “la sottrazione alla visione del pubblico della medesima per un periodo prolungato, per consentirne il riposo al buio”.

L’accordo Parigi – Roma

Il prestito dell’Uomo Vitruviano e di altre opere di Leonardo al Louvre di Parigi, è frutto di un accordo tra Italia e Francia per celebrare insieme i 500 anni di Leonardo e di Raffaello.

I due paesi si sono accordati a livello politico per trasformare gli anniversari in un “avvenimento internazionale” con scambio di opere, ricorda il ministro Franceschini.

Le scelte delle opere, invece, sono state fatte dai musei.

La reazione di Italia Nostra

Al momento della pubblicazione nessuna reazione sui social di Italia Nostra, che pure si era affrettata l’8 ottobre a pubblicare un post Facebook in cui accoglieva “con grande soddisfazione la decisione del Tar Veneto” che bloccava l’espatrio delle opere di Leonardo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала