Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sondaggi elettorali, Lega primo partito, centrodestra in vantaggio

© AP Photo / Gregorio BorgiaMatteo Salvini e Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi
Matteo Salvini e Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi - Sputnik Italia
Seguici su
Nel mese di ottobre, secondo i sondaggi Bidimedia, il debutto di Italia Viva nello scenario politico sottrae consensi al PD, mentre cresce il centrodestra, trainato da Lega e Fratelli d'Italia.

La comparsa del partito di Renzi è la "novità" politica del mese, che scompiglia lo scenario sottraendo quote di consensi al centro sinistra, già in crisi nelle prime settimane del nuovo esecutivo, e a Forza Italia, indebolita dalla fuoriscita di Giovanni Toti e di altri esponenti. All'interno di questo quadro la Lega aumenta di 0.3 punti, raggiungendo il 30.6% e confermandosi primo forza d'Italia con un margine che lascia poche speranze agli altri partiti. 

Il PD a quota 19,5 ha perso 3 punti dal mese di settembre. Lo tallona il M5s, al 19,2%. Galoppa invece, Fratelli d'Italia all'8%, con +0,7 punti di consenso ottenuti in un mese. Forza Italia, quinto partito, perde mezzo punto e si ferma a 5,5% mentre Italia Viva esordisce con il 5%. 

In crisi + Europa che perde 0.8 punti e scende al 1,5%, ben al di sotto della soglia di sbarramento, mentre LeU, nonostante sia una forza di governo, non riesce a decollare e si ferma all'1,8%. Gli altri partiti (Europa Verde, Cambiamo! e Siamo Europei) si mantengono sotto il 2%.

La fiducia nel governo

Il Presidente Sergio Mattarella in occasione della cerimonia di giuramento del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e dei membri del nuovo Governo - Sputnik Italia
Sondaggi, dopo un mese le pagelle del governo
Il Conte Bis non convince gli elettori e dal suo insediamento subisce un calo di 3 punti. Il 44% degli intervistati dice di avere molta o abbastanza fiducia, mentre il 56% ne ha poca o per nulla. Di questi il 38% dice di non gradire affatto il nuovo esecutivo. 

Questo scenario è confermato dalle intenzioni elettorali degli intervistati che danno il centrodestra in vantaggio. Nel caso in cui gli schieramenti si presentassero con le stesse coalizioni del 2018 il centrodestra otterrebbe il 48,9% dei voti, il centrosinistra il 30% e il M5S avrebbe il 19,2%. 

Nel caso in cui la nuova alleanza di governo si dovesse consolidare in quanto forza politica, presentandosi unita alle elezioni, riceverebbe il 45,7% dei voti, riducendo la sua distanza con la coalizione avversaria a soli 3 punti. In questo caso il quadro politico si mostrerebbe fortemente polarizzato.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала