Regno Unito: opposizione discute possibilità di impeachment per Boris Johnson - media

© REUTERS / UK Parliament/Jessica TaylorIl premier britannico Boris Johnson parla alla Camera dei comuni dei Regno Unito
Il premier britannico Boris Johnson parla alla Camera dei comuni dei Regno Unito - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
I partiti all’opposizione in Regno Unito stanno discutendo la possibilità di avviare una procedura d'impeachment contro il primo ministro Boris Johnson.

I rappresentanti dell'opposizione hanno iniziato a discutere di queste rara procedura per il Regno Unito dopo che il 24 settembre la Corte suprema britannica ha dichiarato illegale il tentativo di Johnson di sospendere il parlamento.

La proposta d'impeachment è stata presentata in una riunione delle parti giovedì dal Partito del Galles e potrà essere sottoposta all'approvazione già dalla prossima settimana. Se la Camera dei Comuni voterà a favore dell'avvio di questa procedura allora il premier potrebbe dover affrontare un processo. Oltre all'impeachment, l'opposizione sta anche discutendo misure contro Johnson, come vietare di lavorare, punizioni disciplinari e di come ridurre lo stipendio del primo ministro.

Secondo la pubblicazione, l'ultimo tentativo d'impeachment nel Regno Unito avvenne nel 1848, quindi il ministro degli Esteri del paese Henry Palmerston fu accusato di aver concluso un accordo segreto con la Russia. Fino a oggi nessun Premier della Gran Bretagna è stato mai rimosso dall’incarico a causa di una procedura d'impeachment, anche se in passato lo stesso Johnson aveva sostenuto l'avvio di un processo simile contro l'allora Primo Ministro Tony Blair.

In precedenza, il Sunday Times, citando fonti, riferiva che il primo ministro si era scusato personalmente con la regina Elisabetta II per averle chiesto l'approvazione di sospendere il parlamento, che alla fine la corte aveva riconosciuto illegale.

La sospensione del parlamento

Johnson ha ricevuto il consenso della Regina per la sospensione del parlamento dal 10 settembre al 14 ottobre. Ha spiegato la sua decisione affermando che il governo doveva introdurre una nuova agenda e iniziare ad attuare un programma politico interno. Molti parlamentari hanno accusato Johnson di aver voler far uscire il paese dall'UE il 31 ottobre senza un accordo, nascondendo informazioni e documenti relativi, nonché disinformando la regina per ottenere l'autorizzazione a sospendere il parlamento. La Corte Suprema ha confermato questo punto di vista.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала