Scoperte in Francia oltre 250 impronte dell'Uomo di Neanderthal

© Sputnik . Minkin / Vai alla galleria fotograficaUomo di Neanderthal
Uomo di Neanderthal - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Le 257 orme appartenute ai nostri antenati sono state scoperte da un equipe di archeologi in Normandia, dove erano rimaste sepolte per 80000 anni.

Gli archeologi ritengono che le 257 orme rinvenute a Rozel, in Normandia, siano state lasciate da una comunità composta da un numero di persone tra le 10 e le 13.

La maggior parte di loro erano bambini o adolescenti, ma tra le tante orme ne è stata rinvenuta anche una appartenuta a un uomo alto oltre 190 cm, un'enormità per l'epoca.

Nel tentativo di stabilire l'età degli individui gli studiosi si sono basati esclusivamente sulla taglia del piede di ciascuno di essi.

"Questi uomini di Neanderthal dovevano verosimilmente trascorrere in questi luoghi dall'autunno alla primavera", ha dichiarato Jérémy Duveau, dottorando del Museo Nazionale di Storia Naturale francese e coautore dello studio sui ritrovamenti nel sito, pubblicato per l'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti d'America.

Si tratta del più grande numero di impronte dell'Uomo di Neandhertal venute alla luce tutte in una sola volta. Un fatto davvero sorprendente, se si considera che il sito archeologico è stato scoperto in maniera del tutto casuale da un amatore, un certo Yves Roupin, addirittura nei lontani anni Sessanta, senza tuttavia ricevere l'attenzione degli accademici.

I lavori scientifici veri e propri, infatti, hanno avuto inizio solo di recente, nel 2012, quando il rischio di erosione delle orme a causa del vento e della marea ha cominciato ad essere concreto.

Per riportare alla luce queste sorprendenti testimonianze di un passato lontanissimo i gruppi di lavoro hanno dovuto scavare molto in profondità, spostando decine di metri di sabbia grazie a degli scavatori meccanici.

Proprio alla sabbia, però, è dovuta la perfetta conservazione delle impronte dei nostri antenati: ricoperte dal manto sabbioso, infatti, le tracce dell'Uomo di Neanderthal sono riuscite a conservarsi perfettamente fino ai nostri giorni.

Ma le sorprese sembrerebbero non essere ancora finite, perché gli scienziati nello stesso luogo avrebbero rinvenuto altre centinaia di tracce umane nel corso dello scorso anno.

 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала