Barca offshore finisce contro gli scogli a Venezia, tre vittime e un ferito

CC BY-SA 2.0 / Anne Jacko / FirefightersMotoscafo dei Vigili del Fuoco a Venezia
Motoscafo dei Vigili del Fuoco a Venezia - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Tre persone sono rimaste uccise e una quarta è rimasta ferita in seguito ad un incidente nautico avvenuto nella serata di ieri a Venezia.

Secondo le informazioni fornite dai Vigili del Fuoco di Venezia, un'imbarcazione off-shore è andata a schiantarsi sugli scogli nella località di Punta Sabbioni.

Dei quattro occupanti, tre sono rimasti uccisi a causa dell'impatto mentre una quarta persona è stata sbalzata fuori bordo, riportando delle ferite.

Due dei corpi sono stati rinvenuti immediatamente dai soccorritori mentre la terza vittima, che inizialmente risultava dispersa, è stata ritrovata poco dopo dai Vigili del Fuoco.

A causare l'incidente, secondo le prime ricostruzioni, potrebbe essere stato l'impatto dello scafo off-shore contro una diga artificiale, la 'lunata', costruita a protezione delle opere del Mose, a sud della diga di San Nicolò del Lido.

Tra le vittime anche il recordman dell'offshore Fabio Buzzi, 76 anni, rinomato progettista e pilota motonautico. L'uomo stava tentando di stabilire il record della Venezia-Montecarlo, da dove era partito ieri mattina verso le 11. 

Le altre due vittime sono due piloti inglesi, mentre l'uomo rimasto ferito è un altro pilota italiano, Mario Invernizzi, che è stato immediatamente trasportato in ospedale.

Gli scafi off-shore sono delle potenti imbarcazioni, lunghe circa venti metri e capaci di raggiungere velocità massime pari a 70 nodi (circa 130 km/h).

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала