Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Napoli: udienza in tribunale per l’arresto del manager russo Korshunov

© Sputnik . Aleksander Vilf / Vai alla galleria fotograficaVie di Napoli
Vie di Napoli - Sputnik Italia
Seguici su
Il cittadino russo Alexander Korshunov è stato arrestato in Italia su richiesta degli Stati Uniti. All'udienza sono state discusse questioni di natura procedurale, non sono state prese decisioni sostanziali, ha riferito a Sputnik un rappresentante dell'Ambasciata russa in Italia.

"Si è tenuta una sessione del tribunale di Napoli in cui sono state discusse questioni procedurali. Non sono state prese decisioni sostanziali", ha detto, rispondendo alla domanda se il tribunale abbia discusso dell'estradizione di Korshunov.

In precedenza era stato riferito che il direttore dello sviluppo di business della società United Engine Corporation (UEC, azienda del gruppo Rostec) Alexander Korshunov è stato arrestato in Italia su richiesta degli Stati Uniti; è sospettato di spionaggio industriale. Rischia fino a 10 anni in prigione. 

Il ministero degli Esteri russo ha confermato l'arresto del connazionale Korshunov il 30 agosto all'aeroporto di Napoli sulla base di un mandato di cattura internazionale emesso dalle autorità statunitensi.

È stato arrestato insieme al cittadino italiano Maurizio Paolo Bianchi, ex dipendente della filiale italiana dell’impresa americana GE Aviation.

Korshunov è un top manager della United Engine Corporation, un membro di Rostec (UEC), che, insieme all'ufficio di progettazione ODK-Aviadvigatel, sta sviluppando il motore PD-14, si afferma nell'atto di accusa.

In precedenza UEC aveva dichiarato di essere certa che il proprio dipendente non è coinvolto in attività illegali.

La posizione di Putin

L'arresto di cittadini russi su richiesta degli Stati Uniti ostacola le relazioni bilaterali: è una cattiva prassi, a volte legata alla concorrenza, ha dichiarato ieri il presidente russo Vladimir Putin in una riunione plenaria durante il Forum economico orientale.

Come osservato dal presidente russo, in base ai dati dell'anno scorso, 40 cittadini russi sono stati arrestati in Paesi terzi su richiesta degli Stati Uniti. Ha citato i casi di Dmitry Makarenko, arrestato alla fine di dicembre, e Alexander Korshunov.

"Si tratta di una pessima prassi. Complicano le nostre relazioni intergovernative, lo dico senza battute, senza ironia. Spesso non vediamo alcun motivo per azioni ostili di questo tipo. Inoltre ho tutte le ragioni per credere che sia legato a questioni di concorrenza. Probabilmente potrebbero esserci alcuni reati. Ma le nostre forze dell'ordine dovrebbero cooperare", ha detto il capo di Stato russo.

Putin ritiene che sia necessario firmare opportuni accordi che forniscano regole precise in questo tipo di situazioni. I trattati in vigore di fatto non funzionano e devono essere aggiornati.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала