Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La prima portaerei giapponese ospiterà caccia americani

Seguici su
Il secondo più importante giornale del Giappone rivela uno scoop che potrebbe mettere in imbarazzo il Governo di Tokyo.

Secondo l’Asahi Shinbun il Governo di Tokyo sarebbe stato sorpreso a mentire sui suoi reali piani di ripristino della flotta nipponica e sulle reali intenzioni che motiverebbero la trasformazione dell’incrociatore Izumo in una vera e propria moderna portaerei.

L’annuncio che il Giappone sarebbe tornato a dotarsi di portaerei era giunto anche da noi in occidente all’inizio dell’anno e non pochi analisti si erano stupiti del fatto che alla nazione che aveva perso la Guerra Mondiale combattendo direttamente contro gli Stati Uniti venisse concesso oggi di tornare ad investire in una marina militare avanzata con tanto di portaerei prima proibite dai trattati di pace.

I funzionari del Governo nipponico, ci rivela invece oggi l’Asahi Shinbun, il giornale di Osaka, secondo più venduto in tutto il Giappone, inizialmente avevano presentato il progetto semplicemente come un’occasione per rafforzare la capacità della nazione di difendere le isole periferiche e garantire la sicurezza dei piloti della Forza di autodifesa riducendo i tempi di volo potendo partire già dal mare.

Quando però a marzo i deputati dell'opposizione, fiutando forse già qualcosa, avevano chiesto al ministro della Difesa Takeshi Iwaya se gli aerei da combattimento statunitensi avrebbero potuto usare l'Izumo, questi aveva dichiarato che lo avrebbero potuto fare ma solo nel caso in cui un ipotetico aereo USA fosse necessitato all’atterraggio e non vi fossero stati aeroporti disponibili più vicini durante una trasvolata oceanica.

Ora si scopre, ecco lo scoop del giornale, che i funzionari giapponesi erano stati proprio loro per primi ad informare le loro controparti statunitensi che i caccia USA avrebbero potuto utilizzare loro per primi la Izumo.

Le modifiche al ponte della Izumo e le altre migliorie necessarie agli aerei per atterrare e decollare dalla nave saranno completate nel 2020. Anche un altro cacciatorpediniere, il Kaga, sarà adattato, con piani che prevedono il completamento entro il 2022.

© AP Photo / Rick BowmerIl caccia F-35A
La prima portaerei giapponese ospiterà caccia americani - Sputnik Italia
Il caccia F-35A

Il Governo per altro ha anche approvato un piano per l'acquisto di aerei da combattimento F-35B fabbricati negli Stati Uniti che hanno capacità di decollo e atterraggio verticali brevi. I caccia F-35B verranno utilizzati principalmente sulla Izumo e il Kaga, ma la fornitura non verrà dispiegata prima del 2024.

Ciò lascia aperta la possibilità di avere un periodo di almeno tre anni in cui l'Izumo sarebbe in grado di essere utilizzata come portaerei, ma senza i velivoli dell’aviazione della SDF giapponese (Japan Self Defence Forces).

L’Asahi Shinbun lancia quindi il sospetto che in quel periodo ad utilizzare la portaerei sarà qualcun altro e non la SDF. A corroborare l’ipotesi, secondo il giornale più una certezza, ci sarebbero diverse fonti governative che affermerebbero che quando il Generale Robert Neller, allora comandante del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, visitò il Giappone a marzo, i funzionari del ministero della Difesa lo informarono sui piani per l'ammodernamento della Izumo e furono loro stessi ad invitare gli USA ad utilizzare la nuova portaerei per primi.

Sempre secondo il noto giornale giapponese questa non sarebbe la prima volta che il Governo si contraddirrebbe. Quando il Ministero della Difesa nel 2017 aveva commissionato uno studio di fattibilità sull'adattamento di un cacciatorpediniere ad una portaerei, il motivo principale fornito fu proprio esplicitamente quello di fornire supporto alle retrovie delle forze armate statunitensi. Lo studio venne condotto partendo dal presupposto che caccia F-35B gestiti dai militari statunitensi sarebbero stati gli utenti primari di un cacciatorpediniere adattato. Utilizzare i caccia della propria difesa nel progetto iniziale non era stato neppure preso in considerazione.

Gli ufficiali della SDF starebbero inoltre sollevando dubbi sul reale piano attuale di utilizzo di Izumo. Gli F-35B gestiti dall'ASDF giapponesi saranno prevalentemente basati a terra e saranno dispiegati sulla Izumo solo quando se ne presenterà la necessità. Si chiedono quindi: chi utilizzerà la portaerei nel resto del tempo?

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала