Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sonda indiana entra nell’orbita lunare

© AFP 2021 / MANJUNATH KIRANIn questa foto di file scattata il 12 giugno 2019, gli scienziati dell'India Space Research Organization (ISRO) lavorano sulla sonda 'Chandrayaan-2'
In questa foto di file scattata il 12 giugno 2019, gli scienziati dell'India Space Research Organization (ISRO) lavorano sulla sonda 'Chandrayaan-2' - Sputnik Italia
Seguici su
La sonda spaziale Chandrayaan 2 dell'India è entrata in orbita lunare martedì, eseguendo una delle manovre più complicate nella sua missione sulla Luna.

Dopo quattro settimane di viaggio spaziale, la navicella spaziale ha completato l’inserimento nell'orbita lunare (LOI, Lunar Orbit Insertion) come previsto, ha dichiarato l'Indian Space Research Organization (ISRO) in una nota.

L'inserimento "è stato completato con successo oggi alle 09.02 ore IST (03.32 GMT) come previsto, utilizzando il sistema di propulsione di bordo. La durata della manovra è stata di 1738 secondi", ha affermato l'agenzia spaziale nazionale indiana.

L'India sta cercando di diventare la quarta nazione a far atterrare un veicolo spaziale sulla Luna dopo Russia, Stati Uniti e Cina.

Se il resto della missione andrà avanti come pianificato, la sonda indiana atterrerà sul Polo Sud lunare il 7 settembre.

L'inserimento di martedì è stata una delle operazioni più difficili della missione perché se la sonda si fosse avvicinata alla Luna a una velocità più elevata, sarebbe rimbalzata e si sarebbe persa nello spazio profondo.

Mentre se si fosse avvicinata a bassa velocità, la gravità della Luna l'avrebbe attirata verso di sé, danneggiandola.

Anche l’India nella corsa alla conquista della Luna

Chandrayaan 2, o Moon Chariot 2, è decollato dal porto spaziale indiano a Sriharikota, nello stato meridionale dell'Andhra Pradesh, il 22 luglio.

Dopo che Chandrayaan 2 è stato lanciato il 22 luglio scorso, l'orbita del veicolo spaziale era stata progressivamente ampliata per ben cinque volte fino al 6 agosto.

L'Agenzia spaziale indiana afferma che la missione aiuterà gli scienziati a comprendere meglio l'origine e l'evoluzione della Luna conducendo studi topografici dettagliati, analisi mineralogiche e una serie di altri esperimenti.

Per i preparativi della missione sono stati spesi circa 140 milioni di dollari, una spesa decisamente ridotta rispetto ad altre operazioni simili di altri paesi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала