Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Capo dei pasdaran promette di "stroncare sul nascere" ogni minaccia emergente per l’Iran

© AP Photo / Ebrahim NorooziSoldati iraniani in parata militare
Soldati iraniani in parata militare - Sputnik Italia
Seguici su
La dichiarazione arriva tra le crescenti tensioni nel Golfo Persico dopo l’abbattimento di un drone americano e il sequestro reciproco di petroliere tra Iran e Regno Unito.

Il comandante del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica, il generale di brigata Kioumars Heydari, ha sottolineato in una dichiarazione del 4 agosto che l'esercito iraniano ha raggiunto il massimo dell'efficienza e ora può "rispondere a qualsiasi minaccia nel modo più rapido possibile".

"L'esercito di terra, come le altre forze armate, è al culmine della prontezza e se dovesse emergere una minaccia, la stroncherà sul nascere", ha detto il comandante.

La crisi nelle relazioni Iran-USA

La situazione nelle relazioni tra Washington e Teheran si è aggravata dopo che delle esplosioni si sono verificate su due petroliere il 13 giugno nel Golfo dell'Oman. Gli Stati Uniti hanno accusato dell'incidente l’Iran, sostenuti dal Regno Unito e dall'Arabia Saudita. Teheran ha negato queste accuse.

Il 20 giugno, le forze iraniane hanno abbattuto un drone da ricognizione senza pilota della Marina americana RQ-4, dopo di che gli Stati Uniti, secondo il presidente Donald Trump, hanno preparato un'operazione militare, che prevedeva di colpire tre obiettivi in ​​Iran.

Secondo le informazioni fornite dal leader americano, 10 minuti prima dell'inizio di questa operazione, ha dato l'ordine di fermarla, considerandola sproporzionata alle azioni di Teheran.

Il motoscafo del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Iraniana - Sputnik Italia
Iran sequestra petroliera straniera in Golfo Persico

Le tensioni tra Iran e Regno Unito

Le tensioni nella regione sono ulteriormente aumentate dopo che a luglio le forze iraniane hanno sequestrato la petroliera Stena Impero, battente bandiera dal Regno Unito, nello Stretto di Hormuz.

L'incidente sarebbe presumibilmente la risposta di Teheran al sequestro di una superpetroliera iraniana da parte dei Royal Marines britannici e delle autorità di Gibilterra il 4 luglio.

Dopo l'incidente, il Regno Unito ha promesso di scortare le sue navi con l'aiuto delle forze marittime nella regione e ha invitato i suoi alleati a unirsi a essa e garantire la sicurezza della navigazione commerciale.

Di recente, la fregata britannica è stata assegnata per la missione nel Golfo, a causa di un'escalation di tensioni.

A.N.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала