Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

ArcelorMittal annuncia immunità su Ilva, Mise smentisce

Seguici su
Aditya Mittal, direttore finanziario del colosso siderurgico che acquistat l'ex Ilva, annuncia che il Mise sta lavorando per la reintroduzione dell'immunità penale nello stabilimento di Taranto.

Il gruppo siderurgico aveva già espresso preoccupazione in merito alle tutele legali, che dal 6 settembre decadranno, secondo quanto previsto dall'art. 46 del decreto Crescita. Adesso, durante una conference call, l'annuncio del direttore finanziario. 

Secondo Mittal, il Ministero dello Sviluppo Economico sarebbe al lavoro per il reintegro dell'immunità penale che dovrebbe essere pronto prima di settembre. "ArcelorMittal ha ricevuto rassicurazioni dal Governo su un nuovo provvedimento per ripristinare l'immunità per lo stabilimento di Taranto. Devo dire che governo è stato molto costruttivo con noi e sta lavorando a una nuova legge che ripristini l'immunità".

Secca la replica del Mise, che smentisce categoricamente. E non è la prima volta. Già il 9 luglio il ministro Di Maio aveva dichiarato che "se si chiede di precisare questo concetto attraverso interpretazioni autentiche anche per norma, siamo assolutamente disponibili. Ma nessuna persona in questo paese potrà mai godere di una immunità per responsabilità di morti sul lavoro o disastri ambientali".

Adesso il Mise ribadisce: "si vuole intervenire esclusivamente sull'attuazione del piano ambientale nel più breve tempo possibile. Non esisterà mai più alcun scudo penale per morti sul lavoro e disastri ambientali. Ogni altra dichiarazione non corrisponde al vero".

Ilva di Taranto - Sputnik Italia
Ilva, ecco cosa chiedono i lavoratori

In seguito all'approvazione del decreto Cresciuta, la società aveva fatto sapere che senza l'immunità penale sarà impossibile gestire uno stabilimento sotto sequestro dal 2012. Almeno sino alla completa attuazione del Piano Ambientale. L'immunità penale era statua posta in essere da una legge del  2015, per tutelare i commissari Ilva, i loro delegati e i futuri acquirenti.

In quell'occasione il Mise aveva replicato che la società Arcelor Mittal  era stata informata già a febbraio 2019 degli sviluppi circa la possibile revoca dell'immunità penale introdotta nel decreto-crescita.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала