Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Libia, forze aeree di Haftar attaccano Misurata: gli italiani non sarebbero colpiti

© AP Photo / Manu BraboLe rovine della città libica Sirte
Le rovine della città libica Sirte - Sputnik Italia
Seguici su
L’Esercito nazionale libico ha bombardato l'accademia dell'aeronautica nella città libica di Misurata, dove si trova il contigente di forze militari italiane, ha rivelato una fonte a Sputnik. A quanto si apprende dai media, nessun soldato italiano è rimasto ferito.

“Gli aerei da combattimento delle forze aeree dell’Esercito nazionale libico hanno compiuto diversi attacchi sulla città libica di Misurata”, ha dichiarato una fonte, precisando che “il raid è stato realizzato sull'accademia dell'aeronautica di Misurata”.

Nessun militare italiano è rimasto ferito e le infrastrutture in uso al contingente militare italiano non hanno subito danni, riportano i media italiani. Le forze di Haftar hanno anche bombardato obiettivi a ovest di Sirte.

Martedì l'Esercito Nazionale Libico, fedele al generale Haftar, ha bombardato l'aeroporto di Mitiga con missili grad. L'aeroporto di Mitiga (Tripoli) è l'unico funzionante nel nord-ovest del paese.

Khalifa Haftar - Sputnik Italia
Libia, il maresciallo Haftar minaccia di attaccare le navi e le compagnie turche
Dopo il rovesciamento e l'omicidio di Muammar Gheddafi nel 2011, in Libia è scoppiata una crisi politica. Il paese si trova ora spaccato a metà e governato da due distinte autorità. Il parlamento eletto dal popolo si trova a est; mentre a ovest, nella capitale Tripoli, ha sede un Governo di accordo nazionale sostenuto dall'ONU e dall'UE guidato da Fayez al-Sarraj. Le autorità della zona orientale agiscono indipendentemente da Tripoli e collaborano con l’Esercito nazionale libico, comandato da Khalifa Haftar.

Il 4 aprile, il comandante Khalifa Haftar ha ordinato alle sue forze di lanciare un’offensiva contro la capitale per la "liberarla dai terroristi". Le unità armate fedeli al governo di Tripoli hanno annunciato l'inizio dell'operazione di risposta Vulcano di rabbia. Al momento, continuano le battaglie di posizione nell'area della capitale libica. Secondo l'OMS, il bilancio delle vittime negli scontri ha superato le 450 persone, e oltre 2100 sono rimaste ferite.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала