Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Venezuela, Corte suprema boccia il ritorno al TIAR che voleva l’opposizione

© Sputnik . Eva Maria Uzcategui / Vai alla galleria fotograficaBandiera del Venezuela
Bandiera del Venezuela - Sputnik Italia
Seguici su
La Corte suprema del Venezuela ha annullato la mozione dell’Assamblea nazionale che prevede la possibilità di rivolgersi ad un paese straniero per chiedere l’intervento militare. La mozione del Parlamento è stata accettata martedì scorso.

“La Corte dichiara la nullità e l'annullabilità della decisione di tornare al Trattato interamericano di assistenza reciproca (TIAR), che presenta una minaccia per lo stato costituzionale”, ha detto il presidente della Camera costituzionale, Juan José Mendoza.

Secondo lui, qualsiasi tentativo di avvalersi di questo accordo "deve essere considerato un atto ostile contro la sovranità nazionale".

Martedì scorso L’Assamblea nazionale del Venezuela, controllata dall’opposizione, ha accettato la mozione che permette di chiedere l’intervento militare da parte di un paese straniero. Il capo dell’Assamblea nazionale Juan Guaidò ha spiegato che tale decisione è volta contro il potere esecutivo del Venezuela guidato dal presidente del paese Nicolas Maduro. Il leader dell’opposizione venezuelana ha sottolineato che “il Trattato interamericano di assistenza reciproca non risolverà magicamente tutti i problemi”.

Il Trattato interamericano di assistenza reciproca, firmato nel 1947, stabilisce un impegno di difesa reciproca tra i paesi firmatari, nel caso in cui uno di questi venga attaccato. Nel 2012 gli stati dell’ Alleanza Bolivariana per le Americhe, la cui parte fa anche il Venezuela, hanno lasciato il TIAR.

La crisi politica in Venezuela è cominciata il 21 gennaio, quando sono iniziate proteste di massa in Venezuela contro l'attuale presidente del paese, Nicolas Maduro. Il 23 gennaio, il capo dell'Assemblea nazionale di opposizione, Juan Guaidó, si è proclamato l'attuale presidente del Venezuela, ed è stato immediatamente riconosciuto dagli Stati Uniti e da un certo numero di paesi dell'America Latina.

Il ministro Esteri del Venezuela Jorge Arreaza - Sputnik Italia
Venezuela accusa, “vittime dell'interventismo straniero”
L'opposizione del Venezuela il 30 aprile ha tentato un colpo di stato. Juan Guaidó e i suoi sostenitori si sono radunati a Caracas davanti alla base militare di Carlota. In precedenza, Guaidó ha invitato il popolo del Venezuela e l'esercito a scendere in piazza per completare l'Operazione Freedom e rovesciare il presidente legittimo, Nicolás Maduro. Il Capo dello Stato e il ministro della Difesa hanno dichiarato la lealtà delle forze armate alle autorità legittime. Le autorità hanno successivamente annunciato il fallimento del tentativo di colpo di stato e Maduro ha ordinato d'iniziare a indagare sugli eventi del 30 aprile.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала