Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Iran apre inchiesta su petroliera britannica sequestrata

© AP Photo / Damian DovarganesLa petroliera Stena Bulk
La petroliera Stena Bulk  - Sputnik Italia
Seguici su
È stata aperta un'inchiesta da parte delle autorità dell’Iran sulla petroliera battente bandiera britannica sequestrata dopo essersi scontrata con un peschereccio.

"L'inchiesta sulla causa dell'incidente è stata avviata oggi da esperti nella sede della provincia di Hormozgan e in quella marittima (organizzazione)", ha detto all'agenzia di stampa Fars Allah-Morad Afifipoor, direttore generale dell'autorità.

La collisione

La Stena Impero, di proprietà svedese, "ha 23 membri dell'equipaggio e sono tutti a bordo" ed è ancorata al largo di Bandar Abbas, ha detto Fars secondo quanto riporta l'agenzia di stampa.

Diciotto membri dell'equipaggio sono indiani, incluso il capitano, mentre il resto proveniva dalle Filippine, dalla Lettonia e dalla Russia.

Dopo la collisione, i marinai a bordo del peschereccio hanno "contattato la nave inglese senza ricevere alcuna risposta", ha aggiunto.

"Quando la nave britannica non ha risposto al peschereccio, ha informato il porto di Hormozgan e l'ufficio marittimo secondo le procedure legali".

Il Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica dell'Iran ha annunciato ieri di aver sequestrato la Stena Impero nello stretto di Hormuz per aver infranto le "regole marittime internazionali".

La Gran Bretagna ha dichiarato che l'Iran aveva sequestrato due navi nel Golfo, mentre il proprietario britannico di una delle petroliere, la Mesdar, battente bandiera liberiana, ha detto che era stato temporaneamente imbarcato del personale armato, ma che è stato dato il via libera e che tutto l'equipaggio era "al sicuro e stava bene".

Il sequestro della petroliera iraniana a Gibilterra

Il 4 luglio scorso la petroliera iraniana Grace 1 è stata sequestrata dalla marina militare britannica nello Stretto di Gibilterra. Secondo le autorità britanniche, la nave stava trasportando 300.000 tonnellate di greggio in Siria, violando le sanzioni europee contro la repubblica araba. In seguito alla vicenda Mohsen Rezai, uno dei leader dei Pasdaran, ha promesso di sequestrare una petroliera britannica.

Giovedì il 18 luglio i Pasdaran hanno confermato di aver sequestrato una petroliera straniera per il contrabbando senza specificare il nome della nave.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала