Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Regno Unito “spaventato”, fa scortare sue petroliere da fregate - Presidente Iran

© REUTERS / Jon NazcaLa petroliera Grace 1, sequestrata a Gibilterra
La petroliera Grace 1, sequestrata a Gibilterra - Sputnik Italia
Seguici su
Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha twittato che il sequestro della superpetroliera iraniana del 4 luglio da parte dei Royal Marines britannici a Gibilterra equivale a un atto "pirateria" e "costituisce un pericoloso precedente".

Parlando dopo un incontro del gabinetto di mercoledì, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha avvertito che il Regno Unito "si renderà conto delle conseguenze dopo".

"Ora siete così disperati che quando una delle vostre petroliere naviga nella regione, dovete portarvi le vostre fregate (per scortarla) perché avete paura. Allora perché commettete tali atti (sequestro)? Dovreste invece consentire una navigazione sicura", ha aggiunto Rouhani, descrivendo il Regno Unito come" l'iniziatore dell'insicurezza".

​Le sue osservazioni arrivano dopo che la nave da guerra della Royal Navy HMS Montrose sarebbe stata dispiegata nel Golfo Persico per scortare le petroliere britanniche a causa delle preoccupazioni per il possibile attacco dell'Iran contro le navi.

Bloomberg ha riportato in precedenza che una petroliera gestita dal colosso britannico di energia BP stava "riparando" all'interno del Golfo a causa dei timori della compagnia di poter essere bloccata da Teheran in una possibile risposta al sequestro di una nave cisterna che trasportava greggio iraniano.

Londra sostiene che la petroliera Grace 1, sequestrata dalla polizia di Gibilterra e dalle agenzie doganali con l'aiuto dei Royal Marine britannici al largo di Gibilterra il 4 luglio, stava trasportando petrolio iraniano in Siria in violazione delle sanzioni europee contro il paese arabo.

Il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Araqchi, tuttavia, ha sottolineato che "contrariamente a quanto sostengono le autorità britanniche, la petroliera non era diretta verso la Siria" e che il porto siriano menzionato dal Regno Unito come destinazione non sarebbe stato in grado di far ormeggiare la nave.

Nel frattempo, la Corte suprema di Gibilterra ha esteso il sequestro della petroliera iraniana per due settimane, riferendosi alle sanzioni dell'UE contro la Siria.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала