Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Razzismo a Cambridge: i prof. bianchi avranno tutor di colore

CC0 / Pixabay / Università di Cambridge in Inghilterra
Università di Cambridge in Inghilterra - Sputnik Italia
Seguici su
Durante quest’anno accademico l’Università di Cambridge sta attivamente lottando contro il razzismo. Tra le altre iniziative, i rappresentanti delle minoranze etniche faranno da tutor ai professori bianchi.

L’Università di Cambridge, che negli ultimi tempi ha avuto a che fare con accuse di “razzismo strutturale”, ha deciso di lottare contro questo problema con l’aiuto di un sistema di “tutoraggio inverso”, scrive il Daily Telegraph.

L’iniziativa prevede che gli insegnanti e i dipendenti amministrativi bianchi abbiano tutor tra i colleghi di colore, asiatici e rappresentanti delle altre minoranze nazionali. In questo modo gli autori del progetto sperano di ottenere “cambiamenti sistemici” a Cambridge. Questa è solo una delle misure prese per combattere la discriminazione dal dipartimento per la parità e la diversità.

Questa settimana la dottoranda Indiana Seresin ha lasciato l’università in segno di protesta contro il “razzismo onnipresente”. Tra vari altri “incidenti razzisti” la ragazza ha ricordato che durante un seminario un insegnante di inglese bianco ha diverse volte “letto ad alta voce la parola che comincia per “n”.

Lo scopo del sistema di tutoraggio inverso è di far capire ai dipendenti e alti dirigenti bianchi “i problemi che circondano il razzismo strutturale” e mostrare loro i privilegi dei bianchi e gli ostacoli che devono affrontare le persone di colore, asiatiche e facenti parte delle altre minoranze.

Il rapporto con i tutor permetterà loro di sentirsi più a proprio agio nel parlare del tema del razzismo e conferirà loro sicurezza nella lotta contro questo fenomeno.

Un rappresentante dell’università ha sottolineato che nel corso dell’anno accademico il tutoraggio inverso si è svolto in via sperimentale e si è rivelato efficace. L’anno prossimo Cambridge ha in programma di realizzare questa iniziativa in dimensioni allargate.

Oltre a questa iniziativa, l’università sta cercando di rendere il programma didattico più flessibile e vario. Gli attivisti tra gli studenti, per esempio, hanno proposto di aggiungere alle liste di lettura più autori neri, asiatici e facenti parte di altre minoranze.

Inoltre a Cambridge è stato creato il Diversity Fund, che elargisce premi agli studenti e ai collaboratori scientifici che partecipano attivamente alla lotta per la parità razziale.

L’università offre un nuovo programma di formazione che include lezioni sulla prevenzione del razzismo. Ogni dipartimento dell’università dispone di uno specialista che offre consulenze sui temi della discriminazione e dell’aggressione.

The Daily Telegraph sottolinea che Cambridge non è la prima università ad adottare il sistema del tutoraggio inverso. L’anno scorso l’università di Birmingham alcuni professori di alto livello sono stati associati a colleghi più giovani rappresentanti delle minoranze etniche con il compito di aiutarli a liberarsi dalle idee inconsapevolmente razziste e sessiste.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала