Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pentagono pronto a misure di sicurezza per navigazione nello Stretto di Hormuz

© AP Photo / Mahdi MarizadLa nave iraniana Alborz nello Stretto di Hormuz
La nave iraniana Alborz nello Stretto di Hormuz - Sputnik Italia
Seguici su
Il vice segretario alla Difesa americano Mark Esper ha parlato delle misure a cui sono disposti gli Stati Uniti per garantire la sicurezza nello Stretto di Hormuz.

Gli Stati Uniti non cercano la guerra con l'Iran, ma sono pronti ad inviare le proprie navi militari per accompagnare le navi civili nello Stretto di Hormuz.

Lo ha annunciato oggi il vice segretario alla Difesa statunitense Mark Esper a margine di un incontro tra i capi dei dicasteri militari dei Paesi membri della NATO.

"Gli Stati Uniti non cercano la guerra con l'Iran, ma intendiamo adottare misure per garantire la sicurezza nello Stretto di Hormuz, dal controllo della situazione dal cielo fino all'invio di navi militari per la scorta delle imbarcazioni commerciali".

La situazione tra USA e Iran

I rapporti, già difficili, tra Washington e Teheran sono peggiorati dopo che il 13 giugno nel Golfo di Oman sono state attaccate le due petroliere Front Altair e Kokuka Courageous. Gli USA hanno accusato dell’accaduto l’Iran, aggiungendo che hanno l’intenzione di difendere la libertà di navigazione nella regione. Teheran ha respinto le accuse e dichiarato di essere altrettanto preoccupata per la vicenda.

La settimana scorsa la situazione si è aggravata per via dell’abbattimento di un drone USA da parte dell’Iran: Teheran afferma di aver abbattuto il drone mentre si trovava in territorio iraniano, mentre Washington sostiene che il drone si trovasse nello spazio aereo internazionale. Dopo l’accaduto Trump ha approvato un attacco militare all’Iran, ma pochi minuti prima dell’inizio ci ha ripensato, come ha raccontato lo stesso presidente USA.

Le autorità americane avevano introdotto pesanti sanzioni contro l’alta dirigenza del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica, definendolo un’organizzazione terroristica. In risposta l’Iran ha dichiarato che lo stesso United States Central Command, il comando centrale delle forze armate statunitensi, è un’organizzazione terroristica e gli Stati Uniti sono uno “Stato – sponsor del terrorismo”.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала