Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Russia attaccata da virus informatico

© Sputnik . Vladimir Trefilov / Vai alla galleria fotograficaMaschera di fronte a un programma hacher sullo schermo di un computer
Maschera di fronte a un programma hacher sullo schermo di un computer - Sputnik Italia
Seguici su
Il virus Troldesh (Shade) ha attaccato le aziende russe, codificando le loro informazioni e chiedendo il pagamento di denaro per riottenerle.

La compagnia Group-IB, che sviluppa software e hardware per la difesa dagli attacchi informatici, ha avvertito che l’invio delle email infette è ancora in corso.

Si tratta di email inviate sotto falso nome di compagnie aeree, distributori di automobili e media, in cui i truffatori chiedono di aprire il file in allegato, un archivio con password nel quale secondo il testo dell’email si trovano i dettagli di un presunto “ordine”. L’indirizzo del mittente non ha niente a che vedere con le aziende reali indicate.

Secondo i dati di Group-IB a giugno sono state registrate più di 1100 email-truffa, mentre nel secondo trimestre del 2019 il numero di queste email supera già le 6 mila. Secondo Jaroslav Kargalev, vicedirettore di CERT-GIB, il centro di Groups-IB che si occupa di contrastare le minacce informatiche, da fine 2018 le email con il virus sono sempre più spesso a nome degli impiegati di aziende attive in diversi settori, e non sono di banche, come accadeva prima.

Troldesh è venduto e dato in affitto nel darknet, è in continuo sviluppo, si arricchisce sempre più di nuove funzioni e ne cambiano le forme di diffusione. Le prime attività del virus sono state registrate dagli esperti di Group-IB nel 2015. A fine 2018 Troldesh è entrato a far parte dei tre virus-codificatori più diffusi.

Non meno pericolosi i virus WannaCry e GandCrab. WannaCry a maggio 2017 ha attaccato i computer di tutto il mondo. Ha codificato tutti i dati che si trovavano sui dispositivi e ricattato gli utenti chiedendo soldi in cambio dell’accesso ai dati e minacciando di rimuoverli. GandCrad a febbraio 2019 è stato usato per attaccare gli utenti italiani: i malfattori hanno nascosto il virus in un’immagine di Super Mario e lo hanno diffuso inviandolo via email.

A giugno hacker anonimi sono riusciti ad installare alcuni virus sugli smartphone con sistema operativo Android prima che fossero venduti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала