Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caracas accusa gli USA di voler di nuovo destabilizzare il Venezuela

Seguici su
La crisi politica in Venezuela, che ha visto una escalation dopo che il leader dell'opposizione sostenuta dagli Stati Uniti, Juan Guaido, si è autoproclamato "presidente a interim" a gennaio, è prossimo al suo quinto mese, senza una apparente fine in vista.

Gli Stati Uniti hanno sviluppato un nuovo piano per destabilizzare la situazione in Venezuela, che prevede la possibile violazione dell'integrità territoriale del paese, ha affermato il segretario generale del Consiglio di Difesa venezuelano Pascualino Angiolillo Fernandez.

"Nell'ambito di questo piano, gli Stati Uniti prevedono tre elementi strategici: cercano di colpire tre pilastri fondamentali: questi sono il popolo venezuelano, il governo e il nostro territorio", ha spiegato Fernandez, parlando ai giornalisti nella città di Ufa durante una conferenza internazionale ospitata dal Consiglio di sicurezza della Russia.

Secondo il funzionario, la strategia include obiettivi specifici, tra cui la destabilizzazione della capacità del governo venezuelano di operare e il declino della qualità della vita dei cittadini. Gli Stati Uniti cercano anche di violare l'integrità territoriale del paese, secondo Fernandez.

Lunedì, Fernandez ha incontrato il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale russo Nikolai Patrushev a Mosca per discutere le prospettive di cooperazione nel campo della sicurezza, compresa la sicurezza delle informazioni e l'assistenza nel mantenimento della stabilità politica interna.

Durante l'incontro di lunedì, Patrushev ha ribadito l'impegno "incrollabile" della Russia a sostenere il governo democraticamente eletto del Venezuela e ha confermato la volontà di Mosca di contribuire al dialogo politico tra governo e opposizione volto a superare la crisi politica.

Per quanto riguarda la crisi politica, è peggiorata dopo la rielezione di Nicolas Maduro nel maggio 2018 per un nuovo mandato presidenziale. Il 23 gennaio, il leader dell'opposizione Juan Guaido si è dichiarato presidente ad interim. L'opposizione da lui guidata è stata sostenuta da Stati Uniti, Canada, Brasile e altri paesi. La Russia ha notato che Washington sta cercando di organizzare un colpo di stato nel paese.

Il 5 maggio, Guaido ha ammesso che il suo tentativo di organizzare un colpo di stato in Venezuela è fallito.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала