Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Berlusconi compra una casa a Bruxelles e annuncia il declino di Salvini

© Sputnik . Dmitry Astakhov / Vai alla galleria fotograficaBerlusconi e Angela Merkel al G20 di Cannes del 2011
Berlusconi e Angela Merkel al G20 di Cannes del 2011 - Sputnik Italia
Seguici su
“Di Maio è un giovanotto spuntato dal nulla e come premier di centrodestra sarebbe più esperto Tajani”. Sono le affermazioni del Cavaliere che si prepara a ricevere i leader dei vari paesi nella sua nuova villa a Bruxelles.

L’ex premier Silvio Berlusconi ha appena comprato casa a Bruxelles, una villa presso le ambasciate con tanto di palestra, di piscina e ampie sale dove ricevere i leader dei vari paesi, incominciando dagli amici di più antica data come Angela Merkel e lo stesso Viktor Orban, rivela La Stampa. Si occuperà di creare una nuova politica europea, alleandosi con Ppe, con i sovranisti coinvolti su alcune questioni, quelle che stanno loro a cuore (ad esempio i controlli sui migranti).

L'ex premier italiano Silvio Berlusconi  - Sputnik Italia
Europee, Berlusconi: Spero italiani capiscano che bisogna liberare Gesù
Silvio Berlusconi pensa di trovare leader con cui valga la pena confrontarsi, questo sarà un altro motivo per fare il pendolare con Bruxelles. Il Cavaliere trova “imbarazzante” il fatto (dal suo punto di vista) che nel mondo ci sia una scarsità di leader veri e propri: “tra i pochi rimasti il mio amico Putin è il numero uno”.

Il leader di Forza Italia ha anche dato la sua visione sui vicepremier. Luigi Di Maio gli sembra il prototipo di questi giovanotti spuntati dal nulla. “Pure Adolf all’inizio era un semplice imbianchino, e solo grazie all’oratoria, come Di Maio, guarda te cos’è riuscito a combinare”, ha detto Berlusconi, sottolineando i talenti del vicepremier grillino da comunicatore, che vede “perfino più efficace di Salvini”. Del leader del Carroccio non gli piacciono le felpe, la gestualità, il linguaggio che a un perbenista dello scorso secolo risultano ”poco consoni”. Secondo Berlusconi, a Matteo a Salvini mancano “l’equilibrio e, in qualche caso, il buonsenso indispensabili per fare il premier”.

Nel caso della rinascita di un governo di centrodestra, la guida salviniana non sarebbe l’opzione perfetta. “Da presidente del Parlamento Ue, si è fatto apprezzare da tutti i capi di governo, anche della sinistra, e cambierebbe il nostro rapporto con l’Europa da così a così”, ha dichiarato Berlusconi.

ELEZIONI EUROPEE 2019

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала