Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'allarme della Duma di Stato russa: europei, attenti al nucleare USA

© Sputnik . Alexander Natruskin / Vai alla galleria fotograficaIl deputato della Duma di Stato Vladimir Gutenev
Il deputato della Duma di Stato Vladimir Gutenev - Sputnik Italia
Seguici su
Il compito dei diplomatici russi è di rendere i politici e i cittadini europei consapevoli dei rischi a cui saranno esposti se gli USA collocheranno nell’Europa dell’est armi nucleari moderne.

Vladimir Gudenev, il presidente della commissione della Duma per l’industria bellica, ha commentato così le parole di Vladimir Ermakov, direttore del dipartimento per la non proliferazione e il controllo delle armi presso il Ministero degli Esteri russo. Secondo Ermakov collocando l’arma nucleare nel territorio UE gli USA si preparano ad utilizzarla con il permesso degli stati stessi, sprovvisti di nucleare.

Il rapporto di fiducia tra Mosca e Washington è venuto a mancare dopo che gli USA hanno violato il Trattato INF sulla liquidazione dei missili a corto e medio raggio e sono usciti dall’accordo sul nucleare iraniano.

Gudenev vede un pericolo nel fatto che presto gli Stati Uniti avranno dei nuovi sistemi ultrasuoni per il funzionamento dell’arma nucleare. Il deputato esorta Washington di non intraprendere misure poco ragionate che potrebbero portare a un conflitto nucleare locale.

“Gli americani suppongono che le azioni si fermeranno alla scena europea. Ma il nostro presidente (Vladimir Putin, ndr) ha detto che in caso di minaccia alla Russia risponderemo non solo a quei paesi dal cui territorio è partita l’aggressione al nostro, ma anche a coloro che l’hanno iniziata”, ha concluso il parlamentare.

A inizio maggio dopo l’intervento della delegazione russa alla sessione del comitato per la preparazione della conferenza che avverrà a New York nel 2020 dedicata alla realizzazione del Trattato di non proliferazione nucleare (TNP), il Ministero degli Esteri russo aveva sottolineato che la presenza di armi nucleari USA in Europa rappresenta un ostacolo per la liquidazione del nucleare.

Lancio dei missili Kalibr - Sputnik Italia
Generale tedesco favorevole a nuovo accordo in sostituzione del Trattato INF

Il 2 febbraio Washington ha iniziato la procedura di uscita dal Trattato INF, accusando Mosca di aver violato alcuni punti del documento relativamente al missile russo 9М729. Il Ministero della Difesa russo ha negato qualsiasi violazione del trattato e ha spiegato che a gennaio di quest’anno il missile in questione partecipava a una dimostrazione di fronte a degli addetti militari stranieri.

Tuttavia i rappresentanti degli Stati Uniti e di molti paesi occidentali non si sono presentati all’evento. Successivamente, a marzo, Putin ha firmato un ordine per interrompere l’esecuzione delle condizioni previste dal Trattato INF. Mosca si è però in più occasioni detta pronta a nuove iniziative per il controllo delle armi, se queste terranno conto degli interessi di tutti i partecipanti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала