Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il presidente austriaco si rivela nipote di un commissario russo

© REUTERS / Leonhard FoegerLeft-wing independent candidate Alexander Van der Bellen smiles as he addresses the media after winning Austrian presidential election in Vienna, Austria, May 23, 2016
Left-wing independent candidate Alexander Van der Bellen smiles as he addresses the media after winning Austrian presidential election in Vienna, Austria, May 23, 2016 - Sputnik Italia
Seguici su
Alla vigilia del primo forum tra Russia e Austria “Sochinskij dialog” (in italiano, “dialogo a Sochi”) il presidente austriaco Alexander Van der Bellen racconta che i suoi antenati si erano trasferiti in Russia all’epoca di Pietro il Grande e suo nonno era un commissario a Pskov.

“Mio nonno era commissario a Pskov (città russa posizionata circa 700 km a nord-ovest di Mosca, ndr). Più tardi venni a sapere che mio padre cercò di stabilirsi lì (in Russia). I miei antenati si trasferirono in Russia all’epoca di Pietro il Grande (o poco dopo), all’inizio del XVIII secolo: questo è parte integrante della storia della mia famiglia. Immigrarono e riuscirono a stabilirsi lì (a Pskov)”, ha raccontato il presidente austriaco in un’intervista ai media russi.

Außenministerin Karin Kneissl (Archiv) - Sputnik Italia
In Austria polemiche per l'invito a Putin al matrimonio del ministro degli Esteri

La casa dove vivevano i nonni di Van der Bellen fu distrutta durante la rivoluzione russa o in epoca post-rivoluzionaria, ha spiegato il presidente austriaco.

Van der Bellen ha espresso il desiderio di visitare Pskov, dove vivevano i suoi genitori, durante uno dei suoi prossimi viaggi in Russia. “Ma preferirei progettare questa visita (a Pskov) per la prossima volta. Non ci sono mai stato”.

“Sono lieto di venire in Russia per molte ragioni: non solo per il passato della mia famiglia, non solo per la letteratura del XIX secolo… Voglio dire, cosa sarebbe la letteratura dell’Europa occidentale senza la letteratura russa del XIX secolo? La Russia è parte dell’Europa”, ha sottolineato il presidente austriaco.

Gli antenati di Van der Bellen dalla parte del padre si trasferirono dall’Olanda alla Russia alla fine del XVII secolo e a partire dal XVIII secolo vissero nel Governatorato di Pskov. Lo stesso Alexander Van der Bellen ha origini nobili e suo nonno era commissario del governatorato durante il Governo provvisorio insediatosi a Pskov nel 1917. In Russia il nonno del presidente austriaco si chiamava Alexander von der Bellen e prima della rivoluzione di febbraio fu lui a presiedere l’amministrazione locale del Governatorato di Pskov.

Left-wing independent candidate Alexander Van der Bellen smiles as he addresses the media after winning Austrian presidential election in Vienna, Austria, May 23, 2016 - Sputnik Italia
Presidente Austria esorta paesi europei a “non ballare sulle note” di Donald Trump
Da marzo a giugno 1917 von der Bellen diresse il Governatorato di Pskov su nomina del Governo provvisorio, dopodiché fu dimesso. Dopo la rivoluzione di ottobre nel 1919 tutta la famiglia si trasferì in Estonia per poi trasferirsi in Germania quando l’Estonia fu annessa all’URSS. In seguito la famiglia si spostò a Vienna, dove nel 1944 nacque Alexander Van der Bellen.

Ricordiamo che a metà marzo di quest’anno il presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto il ministro degli Esteri austriaco Karin Kneissl. In seguito è stata annunciata la visita ufficiale del presidente austriaco in Russia. L’incontro dei due presidenti si terranno a Sochi il 15 maggio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала