Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Agenzia indiana: Intelligence del Pakistan spia i cittadini per controllare i social network

Seguici su
I rapporti sulla trasparenza pubblicati da Facebook e Twitter indicano che la chiusura era già iniziata nel 2018, che ha visto un aumento significativo delle richieste da parte del governo pakistano di ottenere il controllo nell'attività online.

Il governo pakistano e l'Inter-Services Intelligence (ISI) del paese stanno spiando i propri cittadini per controllare i social media, riferisce l'emittente indiana NDTV.

L'agenzia stampa ha affermato che nel giugno 2018, il portavoce generale ISI Asif Ghafoor ha segnalato il coinvolgimento dell'agenzia di spionaggio nella campagna, vantandosi della sua capacità di monitorare gli account dei social network.

Negli ultimi 18 mesi, tutta una serie di "giornalisti, attivisti e oppositori del governo, sia in patria che all'estero, hanno subito intimidazioni o minacce di azioni legali per i loro post online"; i trasgressori rischiano fino a 14 anni dietro le sbarre, secondo l'emittente NDTV.

Come parte della repressione, è stato creato un nuovo braccio di controllo per identificare gli utenti dei social media accusati di diffondere "incitamento all'odio e violenza", una mossa che è stata approvata dalle autorità pakistane.

L'NDTV ha citato un rapporto sulla trasparenza di Facebook dicendo che il gigante dei social media ha limitato più contenuti in Pakistan che in qualsiasi altro paese nei primi sei mesi del 2018, in linea con le richieste di Islamabad di censurare le attività online.

Secondo il rapporto, sono stati limitati un totale di 2.203 contenuti, che è un aumento di sette volte rispetto ai sei mesi precedenti.

Una tendenza simile è stata notata anche su Twitter, dove le richieste di rimozione dei contenuti da 3.004 account in Pakistan sono state registrate nei primi sei mesi dello scorso anno. La maggior parte delle richieste sono state formulate dal governo pakistano e Twitter non ha ceduto a nessuna di loro.

L'escalation delle tensioni tra India e Pakistan - Sputnik Italia
Pakistan denuncia “preparativi d'attacco” dell'India

A questo proposito, l'NDTV ha citato Rabia Mehmood, ricercatrice di Amnesty International, dicendo che le autorità pakistane non stanno più "nascondendo la loro agenda (o la politica) per mettere a tacere il dissenso mediato da Internet".

"Mentre l'attuale censura è eccezionalmente intensa, nel corso degli anni, un messaggio è stato coerente sul fatto che le critiche alle politiche dell'esercito pakistano non saranno tollerate", ha concluso.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала