Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Presidente Vucic: Serbia non permetterà che la sua libertà venga minacciata

© REUTERS / Marko DjuricaAleksandar Vucic
Aleksandar Vucic - Sputnik Italia
Seguici su
La Serbia non permetterà che la sua libertà venga minacciata, ha detto il presidente serbo Alexandar Vucic durante una parata dell’esercito e della polizia in onore del Giorno della Vittoria.

L'evento si è svolto nella città di Niš, 240 chilometri a sud di Belgrado, ufficialmente chiamato Dimostrazione della Difesa della Libertà delle capacità dell'esercito serbo e del Ministero dell'Interno ed è stato programmato per la Giornata della Vittoria il 9 maggio.

Alla parata hanno partecipato il presidente Vučić, il presidente del parlamento Maya Gojković, il patriarca Irinei della Serbia, i membri del governo, presidente della presidenza della Bosnia ed Erzegovina Milorad Dodik, presidente del comitato del Consiglio della Federazione per gli affari internazionali Konstantin Kosachev, il comandante del colonnello del distretto militare occidentale Alexander Zhuravlev, rappresentanti delle forze armate e il Ministero degli Interni della Serbia e il corpo diplomatico.

Bandiera Kosovo - Sputnik Italia
Kosovo-Serbia: vicepremier Limaj, nessun accordo possibile senza coinvolgimento Usa

Alla parata di fronte a migliaia di spettatori, hanno sfilato fino a quattromila militari e agenti di polizia, 300 veicoli e circa 40 unità aeree.

"Grazie mille per aver celebrato il Giorno della Vittoria sul nazismo in modo così magnifico e impressionante e ancora una volta abbiamo dimostrato come ripaghiamo il debito a coloro che hanno combattuto per la libertà", ha detto Vučić ai militari e alla polizia.

"La Serbia è un paese libero e non permetterà a nessuno di minacciare la sua libertà", ha sottolineato il capo dello stato.

Due elicotteri Mi-35M sono arrivati ​​all'evento in Serbia dalla Russia, così come il carro armato T-72MS ricevuto come parte dell'assistenza tecnica militare. La consegna di quattro Mi-35M e tre elicotteri Mi-17 dalla Federazione Russa è prevista fino alla fine dell'anno. Anche sei caccia MiG-29 ricevuti nel 2017 da Belgrado da Mosca partecipano al programma.

Il ministero della Difesa ha presentato anche equipaggiamenti serbi: l'obice semovente NORA da 155 mm, il sistema di lancio multiplo a razzo Sumadiya, il sistema missilistico multifunzionale a lungo raggio ALAS, il veicolo a terra senza pilota Milosz, i sistemi di lancio multiplo di Ogan e il sistema missilistico antiaereo ibrido PASARS "e la corazza della fanteria Lazar. Le forze speciali hanno mostrato le ultime attrezzature e armi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала