Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Russia, la INVITRO dona due bioprinter al museo della cosmonautica di Mosca

Seguici su
Il 26 aprile l'azienda INVITRO ha donato al Museo della Cosmonautica di Mosca due stampanti biomediche 3D del laboratorio 3D Bioprinting Solutions, simili al bioprinter Organ.Avt presente sulla Stazione Spaziale Internazionale e con la quale il cosmonauta di Roscosmos Oleg Kononenko nel 2018 ha stampato, per la prima volta, dei tessuti naturali.

Uno dei bioprinter donati al museo si trovava a bordo della Soyuz MS-10 l'11 ottobre 2018, insieme al cosmonauta Roskosmos Alexei Ovchinin e l'astronauta della NASA Nick Hague, quando la navicella ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a causa di un'anomalia al vettore Sojuz-FG.

"Il bioprinter 3D ci consentirà di riprodurre l'esperimento della stampa di tessuto organico, che si sta svolgendo sulla Stazione Spaziale Internazionale in questo momento", ha detto la direttrice del museo Natalia Artyukhina.

Il dispositivo sarà l'oggetto principale della nuova esposizione presso il museo, dedicata agli esperimenti in corso sulla Stazione Spaziale Internazionale nello sviluppo di tecnologie mediche e biologiche all'avanguardia. L'apertura della mostra è prevista per ottobre 2019.

Il Museo della cosmonautica è uno dei più grandi musei scientifici e più visitati in Russia.

L'azienda INVITRO è la più grande azienda medica privata in Russia, fondata nel 1995 dal medico Alexander Ostrovsky. La specializzazione di INVITRO è la diagnostica medica di alta precisione e la fornitura di servizi sanitari. Nel 2013 ha fondato il laboratorio 3D Bioprinting Solutions, per la produzione di biopriter 3D e materiali biomedici per la stampa tridimensionale.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала