- Sputnik Italia
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Soldi al vento: l’Afghanistan firma un contratto con una società inesistente

© SputnikBandiera Afghanistan
Bandiera Afghanistan - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il governo afgano ha sottoscritto un contratto per 11 miliardi di dollari nel settore delle telecomunicazioni con una società americana che non esiste.

Il 28 febbraio 2019 il ministro afgano delle telecomunicazioni ha sottoscritto con Josh Bustos, capo della società Bustos Group LLC, un contratto per la realizzazione del progetto volto a garantire la trasparenza nell’esazione delle tasse per i servizi di telecomunicazione (Real Time Data Management project). Il contratto è stato firmato alla presenza del presidente afgano Ashraf Ghani.

Secondo i media afgani e stando alle pubblicazioni dell’ex ministro alle telecomunicazioni Abdul Rezaq Vahidi su Facebook, sembrerebbe che la società Bustos Group fosse stata registrata solamente un giorno dopo la firma del contratto, come confermano dai dati di registrazione. La società è stata registrata il primo marzo 2019 nello stato del Nevada con capitale pari a zero. I dati di registrazione di The Bustos Group LLC sono disponibili qui

Ad essere precisi, la società Bustos Group LLC esisteva, ma solo prima del 2013. Si confronti.

Afghanistan - Sputnik Italia
Il futuro dell’Afghanistan passa da Mosca

La commissione per la creazione del logo della società di Bustos è stata pubblicata, stando alla cache di Google, il 28 febbraio 2019 sul portale per freelancer 99design. (Link all’annuncio per la creazione del logo)

Va detto che Josh Bustos è sposato con una donna afgana e si è convertito all’islam nel 2016. In passato ha lavorato per la compagnia aerea Safi Airways. Nello stesso anno la società ha cessato l’attività per debiti insoluti.

Da sottolineare è anche che, dopo una grande ondata di proteste degli utenti afgani sui social, la società Bustos Group ha eliminato il proprio sito.

Come ha spiegato a Sputnik Abdul Rezak Bahidi, ex ministro afgano delle telecomunicazioni, il Ministero ha sottoscritto un contratto con una società inesistente: “La società Bustos ha ottenuto i permessi solamente un giorno dopo la sottoscrizione del contratto con il Ministero delle telecomunicazioni. Il Ministero ha concluso un accordo con una società inesistente”.

In seguito il Ministero ha pubblicato una smentita ai post comparsi sui social riguardo la reputazione della società a cui era stata affidata la realizzazione del progetto.

Il portavoce del Ministero Saeed Zaland ha affermato: “La necessità di creare il sistema Real Time Data Management è prevista dalla legge sulla fornitura di servizi di telecomunicazione. A questo fine è stato creato un comitato congiunto comprendente membri dei Ministeri delle telecomunicazioni, dell’economia, delle finanze e dell’Autorità regolatrice afgana delle telecomunicazioni (ATRA) per fornire una base tecnica e finanziaria al progetto. Di recente su proposta del Ministero delle finanze durante la 168a seduta della Commissione nazionale appalti è stato deciso di concludere un accordo con la società americana.

Soldati a Kabul - Sputnik Italia
Afghanistan: Tutti a casa?

Per attuare la decisione presa durante la seduta della Commissione nazionale appalti è stato creato un comitato interministeriale che studiasse la condizione finanziaria e tecnica della società. Il comitato doveva studiare attentamente tutti gli aspetti tecnici della questione e portare prove convincenti del fatto che la società fosse in grado di realizzare il progetto. Dopo che il comitato interministeriale ha presentato il rapporto e confermato la somma necessaria alla realizzazione del progetto, la Commissione nazionale acquisti e la società hanno concluso l’accordo”.

Secondo Vahidi, “il sito della società Bustos comprende una pagina fatta alla bell’e meglio. Inserendo il nome della società nella maschera di ricerca non compaiono risultati pertinenti”.

Ha aggiunto che il sito è costruito a partire da un modello senza il benché minimo sforzo di adattamenti, il che mette in dubbio le pretese della compagnia ad appaltatrice di progetti nel comparto delle telecomunicazioni. Al momento in sito non è attivo.

“In passato la Commissione nazionale appalti ha concluso un contratto per un progetto di monitoraggio dell’esazione delle tasse per servizi di telecomunicazione con due società americane, Latro e Bustos. Queste società dovevano presentare la documentazione entro 28 giorni. Per una maggiore trasparenza e accuratezza nelle fasi di attuazione del progetto e di fornitura del supporto tecnico e del servizio di monitoraggio è stato creato un comitato di monitoraggio indipendente composto da osservatori del Consiglio afgano per il controllo della trasparenza (Integrity Watch Afghanistan), della Commissione per l’accesso alle informazioni, dell’Associazione delle società informatiche e della Direzione statistica e informazione presso la Commissione nazionale appalti”, spiega Vahidi.

Due giorni dopo la sottoscrizione del contratto con Bustos il Ministero afgano delle telecomunicazioni ha modificato il testo originale pubblicato sulla pagina FB aggiungendo Latro come una delle parti del contratto. Il Ministero ha motivato quest’azione affermando che vi era stato un errore. I rappresentanti di Latro non erano presenti alla firma del contratto, per questo la società non è stata inserita nel documento.

Confine tra Pakistan e Afghanistan - Sputnik Italia
Afghanistan addio, ma con dignità

Quanto all’aggiunta della società Latro agli appaltatori, Vahidi osserva: “Per nascondere in qualche modo questo elemento di vergogna, la Commissione nazionale appalti ha dichiarato in fretta e furia che la seconda società Latro non è riuscita a partecipare alla firma del contratto per problemi di sicurezza. Vi sono informazioni secondo cui la società Latro avesse partecipato in passato alla gara, ma non avesse soddisfatto i requisiti. Inoltre, nell’attività di entrambe le società vi è un conflitto di interessi”.

Sulla fotografia del contratto si vede chiaramente che la società Latro è stata aggiunta dopo al contratto perché non vi era nemmeno lo spazio per la firma del suo direttore.

Secondo Vahidi, la somma indicata sul contratto è ben lungi da quella realmente necessaria per la realizzazione del progetto:

“Invece di dare 11 milioni di dollari a una società ignota, datene 2 milioni a giovani ed esperti afgani che creeranno sicuramente un sistema Real Time migliore”.

Secondo Zaland, le dichiarazioni secondo cui la somma sia stata alterata sono calunniose:“In passato il progetto è stato stimato a 18 milioni di dollari, ma oggi a 11. La differenza è enorme. La somma include il 7% di imposte, la preparazione, l’installazione del software, la connessione del sistema ad altri sistemi, la manutenzione della rete per 12 mesi, la formazione del personale, la creazione di un centro per il trattamento dei dati”.

Vahidi ha aggiunto che al momento il tema della realizzazione del progetto Real Time Data Management è al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e delle organizzazioni che combattono la corruzione.

Sito della società

Profilo di Josh Bustos su Facebook

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала