Telegraph: conservatori in Gran Bretagna discutono possibilità nuovo voto di sfiducia a Theresa May

© Sputnik . Sergey Guneev / Vai alla galleria fotograficaTheresa May
Theresa May - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Secondo la pubblicazione, il comitato parlamentare 1922 terrà una riunione il 23 aprile, in cui prenderà in considerazione possibili modi per rimuovere dal potere il primo ministro britannico.

I deputati del partito conservatore britannico al potere discuteranno la possibilità di un nuovo voto di sfiducia al primo ministro Theresa May. Lo ha riferito sabato il Daily Telegraph.

Secondo lei, il comitato parlamentare 1922, che riunisce i deputati dei Tories, terrà una riunione il 23 aprile, in cui saranno prese in considerazione le possibili soluzioni per rimuovere Theresa May. In connessione con il peggioramento della situazione della Brexit, i conservatori temono seriamente che la prospettiva di tenere elezioni al Parlamento europeo a maggio possa diventare una "catastrofe" per il loro partito.

Secondo le attuali regole interne al partito, i deputati conservatori possono solo votare un voto di sfiducia nei confronti del loro leader. Nel dicembre 2018, Theresa May riuscì a mantenere il suo posto quando il Comitato 1922 ha dato il via a tale votazione. A questo proposito, i conservatori intendono cambiare le regole esistenti e avere l'opportunità di votare una mozione di sfiducia al proprio leader ogni sei mesi. Se questo dovesse accadere, i Tories potranno provare a rimuovere Theresa May nel maggio di quest'anno.

"Sarò certamente incline a pensare che cambieremo le regole se non riusciremo a trovare un'altra via d'uscita da questa situazione", ha affermato Nigel Evans, co-presidente del Comitato conservatore. "Non possiamo posticipare questo (voto) per 12 mesi, se partecipiamo alle elezioni per il Parlamento europeo, allora è l'unica persona responsabile di questo", ha aggiunto.

L'ex leader del partito conservatore, Ian Duncan Smith (2001-2003) ha descritto precedentemente su Sky News lo scenario realistico dell’abbandono di Theresa May della carica di Primo Ministro a maggio o giugno di quest'anno. L'ex leader dei Tories ha ricordato la promessa del primo ministro britannico di dimettersi non appena il Parlamento avesse accettato un accordo sulle condizioni per la secessione dall'Unione europea, osservando che ciò potrebbe accadere a maggio o a giugno.

 

 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала