Impiegato si rifiuta di toccare bottiglie con alcol, licenziato

© Sputnik . Maksim Bogodvid / Vai alla galleria fotograficaUn musulmano
Un musulmano - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
La Corte d'Appello di Venezia respinge il ricorso contro il licenziamento di un’esponente religioso.

La storia di un imam della comunità islamica di Vicenza, tunisino, risale al maggio 2014, quando è stato licenziato perché si era rifiutato di toccare scatole contenenti bottiglie di alcolici, riporta il Corriere del Veneto. L’uomo lavorava in una cooperativa, la Vicentina Leone Scarl, dove faceva il facchino in un magazzino che rifornisce i supermercati.

Aereo della compagnia Delta - Sputnik Italia
In Sud Africa fermato pilota per falsa licenza di volare
Nelle ricorsa alla Corte d'Appello di Venezia del licenziato era stato sostenuto che l’imam non poteva toccare le scatole che contenevano gli alcolici siccome è un peccato. Un’altra ragione per cui non poteva avere a che fare con i pacchi alcolici era la volontà di dare un esempio ai fedeli. I legali dell'imam hanno sostenuto che il provvedimento fosse di carattere discriminatorio.

La Corte d'Appello di Venezia ha respinto il ricorso dell’uomo. Il tunisino aveva già contestato il suo licenziamento nel 2017 nel tribunale di Vicenza, che gli ha torto.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала