Il padre di Assange esorta l'Australia a rimpatriare il figlio contro l’estradizione USA

© REUTERS / Henry NichollsJulian Assange dopo l'arresto a Londra
Julian Assange dopo l'arresto a Londra - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il padre del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha chiesto alle autorità australiane di intervenire in seguito all'arresto di suo figlio all'ambasciata ecuadoriana a Londra all'inizio di questa settimana.

Parlando con l'Herald Sun oggi, John Shipton, il padre di Julian Assange, ha esortato il primo ministro australiano Scott Morrison e il dipartimento degli Affari Esteri (DFAT) a portare a casa suo figlio mentre il cittadino australiano si trova a fronteggiare l'estradizione negli Stati Uniti, dove è ricercato per aver divulgato documenti confidenziali del governo.

“Il DFAT e il primo ministro dovrebbero in modo sottile fare qualcosa. Si può risolvere semplicemente con la soddisfazione di tutti. C'è stato un incontro tra un senatore e un alto funzionario del DFAT per estradare Julian in Australia”.

Regista Oliver Stone - Sputnik Italia
Oliver Stone: Assange ha aiutato la verità a venire alla luce

Shipton ha rivelato di essere sotto shock per aver visto il figlio in quelle condizioni quando è stato portato via con la forza dall’ambasciata.

"Ho visto il modo in cui l'hanno trascinato giù per le scale i poliziotti, non aveva un bell'aspetto. Ho 74 anni e sto meglio di lui che ne ha 47, è uno shock. Per mesi e mesi ha vissuto come un prigioniero di alta sicurezza, non può nemmeno andare in bagno. C’erano telecamere che sorvegliavano ogni sua mossa”, ha aggiunto.

La sua intervista arriva due giorni dopo che Morrison ha affermato che Assange, nato in Australia, non riceverà un “trattamento speciale” in seguito al suo arresto e alla possibile imminente estradizione verso gli Stati Uniti.

Il gatto di Assange - Sputnik Italia
Il gatto di Assange guarda il suo padrone arrestato al telegiornale (VIDEO)

"Quando gli australiani viaggiano oltreoceano e si trovano in difficoltà con la legge, si trovano di fronte ai sistemi giudiziari di quei paesi, non importa quale particolare crimine abbiano asserito di aver commesso, è così che funziona il sistema. Il signor Assange riceverà lo stesso sostegno che qualsiasi altro australiano avrebbe ... non gli sarà dato alcun trattamento speciale”, ha detto Morrison alla ABC.

Assange è stato arrestato dalla polizia del Regno Unito l’11 aprile presso l'ambasciata ecuadoriana, dove era rimasto nascosto per circa sette anni. L'arresto è avvenuto dopo che il presidente dell'Ecuador Lenin Moreno ha revocato il suo asilo diplomatico, sostenendo che ha ripetutamente violato le convenzioni internazionali e le regole della vita quotidiana nelle sedi diplomatiche.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала